Logo San Marino RTV

Elego: Riflessioni sull’ambiente, oltre le ideologie

22 nov 2019
Elego: Riflessioni sull’ambiente, oltre le ideologie

Nella serata di ieri, giovedì 21 novembre, presso il Gran Hotel Primavera si è svolta un’altra importante conferenza pubblica, promossa dal Movimento Politico Elego.
Filo conduttore della serata è stato il tema dell’Ambiente. Un argomento un tempo meno considerato ma che oggi assume rilevanza anche per via della mobilitazione trasversale dei tanti giovani di tutto il mondo per fermare i mutamenti climatici e proteggere l’ambiente.
Luciano Zanotti, imprenditore sammarinese e presidente dell’Associazione Aziende Energia Rinnovabile San Marino (AER.SM) ha ripercorso il cammino della legislazione sammarinese e delle peculiarità, uniche al mondo, che permettono ai sammarinesi di porsi ai vertici delle classifiche mondiali come diffusione del fotovoltaico. Ha evidenziato che, sulla scia della sedicenne svedese Greta Thunberg, in tutto il mondo sono in atto proteste pacifiche e scioperi in favore ad una maggiore attenzione all’impatto ambientale delle scelte dei cittadini in merito alle emissioni di CO2 e alla gestione dei rifiuti che inquinano pesantemente il nostro pianeta” e aggiunge, “l’Associazione Energie Rinnovabili di San Marino, nel nostro Paese con il fotovoltaico ha contribuito con i fatti e i numeri all’abbattimento di emissioni di CO2 in quanto la cultura dell’energia solare ha portato alla realizzazione di circa 1400 impianti fotovoltaici nel territorio, che per il numero di abitanti è un numero altissimo che ci piazza alle prime posizioni mondiali per watt rinnovabile/pro capite”.
Tutto questo grazie al sistema normativo di successo che risale al 2014, che a giorno d’oggi ci ha portato ad un risultato equivalente alla piantagione di 14000 alberi ad alto fusto. Per questo motivo, il singolo cittadino ha una doppia opportunità in termini ambientali e soprattutto economici grazie al settore del fotovoltaico sammarinese ben normato, con una Azienda Elettrica all’avanguardia che dà la possibilità anche a chi vive in condominio di acquistare il suo impianto fotovoltaico da remoto, facendo del bene all’ambiente oltre a non pagare alcuna bolletta. Abbiamo un grande potenziale di crescita per il futuro di San Marino il quale passa attraverso il nostro territorio, i nostri paesaggi, i nostri prodotti agroalimentari, le nostre piante, le nostre infrastrutture e il nostro approvvigionamento energetico. San Marino, e siamone fieri, è il sesto Paese al mondo come produttore di energia. Insieme possiamo fare la differenza, sia per il nostro Paese, sia per il mondo”.
È toccato poi all’Ing. Nicola Deiana, responsabile tecnico commerciale del metodo UHTH nel trattamento di qualsiasi tipologia di rifiuto a zero emissioni in atmosfera.
Un metodo innovativo di origine Svizzera che permette la trasformazione in gas di ogni tipologia di rifiuto a base carbonio. Il sistema prevede il conferimento in apposite isole ecologiche di sole 4 tipologie di rifiuto precedentemente suddiviso in carta, metalli, vetro e .. infine, tutto il resto. I primi tre recipienti, andranno ad essere valorizzati e riutilizzati come materiale primario per nuovo prodotto, dovranno essere prelevati dalle isole direttamente dai consorzi partner, liberando così lo stato da un oneroso sistema di raccolta, difficile, inopportuno, disordinato e non conveniente. Il quarto settore che racchiude tutte le restanti tipologie di rifiuto, compreso rifiuti ospedalieri e industriali, andrebbe ad alimentare il gassificatore per produrre gas metano e idrogeno da inserire direttamente nelle condutture domestiche dei sammarinesi ricavandone un profitto. Non c’è camino di uscita, la macchina si autoalimenta elettricamente e non ha contatto con l’ambiente esterno.
Si è ipotizzata una società mista pubblico privato per affrontare l’investimento che sarebbe recuperabile in soli 4 anni e farebbe risparmiare poi una decina di milioni di euro anno e garantirebbe un profitto sulla vendita del gas. La formula più idonea per affrontare questo investimento potrebbe essere quella di un azionariato diffuso a piccole quote e con la maggioranza del capitale in mano alla nostra azienda dei servizi.

Comunicato stampa
Elego