Logo San Marino RTV

20 settembre 1958: a 60 anni dalla chiusura delle “case chiuse”

20 set 2018
Casa di tolleranza
Casa di tolleranza
Sessant'anni fa – era il 20 settembre 1958 – entrò in vigore la legge Merlin che prende il nome della sua promotrice, la senatrice Lina Merlin. Dopo dieci anni di iter legislativo, si stabilì la chiusura delle case di tolleranza e l’introduzione di una serie di reati legati allo sfruttamento e al favoreggiamento della prostituzione.

La legge italiana in vigore fino ad allora prevedeva che venissero eseguiti controlli sanitari periodici sulle prostitute. In realtà i controlli erano sporadici e soggetti a pressioni di ogni genere da parte dei tenutari, specialmente al fine di impedire di vedersi ritirata la licenza per la gestione dell'attività.

La legge, proibendo l'attività delle "case da prostituzione", puniva sia lo sfruttamento sia il favoreggiamento della prostituzione, in particolar modo "chiunque in qualsiasi modo favorisca o sfrutti la prostituzione altrui". La norma prescriveva anche la costituzione di un Corpo di polizia femminile, che da allora in poi si sarebbe occupata della prevenzione e della repressione dei reati contro il buon costume e della lotta alla delinquenza minorile.

Un dibattito che da allora non ha ancora trovato pacificazione, tanto che sono in tanti i parlamentari favorevoli alla riapertura delle “case di tolleranza”. Intanto la prostituzione continua, la criminalità ci sguazza.

fm