Logo San Marino RTV

26 gennaio 1980: muore a Roma Peppino De Filippo

25 gen 2018
Peppino De Filippo e Totò
Peppino De Filippo e Totò
Muore a Roma Peppino De Filippo, attore, comico e drammaturgo. È uno dei più famosi attori comici italiani del Novecento, ed è considerato il più grande interprete del ruolo di "spalla" del cinema italiano. Figlio naturale del commediografo Eduardo Scarpetta e fratello di Eduardo e Titina, si esibì sui palcoscenici sin da bambino.
Dopo varie esperienze con diverse compagnie teatrali, sempre in ruoli da 'generico', nel 1931 fonda con i fratelli la Compagnia Teatro Umoristico: i De Filippo. È un'esperienza di grande successo: tournée in tutta Italia, nuove commedie, critiche entusiaste e teatri sempre pieni. Tuttavia nel 1944, per dissidi con il fratello Eduardo (dovuti anche alla relazione che Peppino aveva iniziato con Lidia Maresca, che divenne poi la sua seconda moglie), Peppino lascia la compagnia.
Questa separazione darà modo a Peppino di trovare un suo stile come autore, distinguendosi da Eduardo per il tono delle sue commedie, più leggero. Anche come attore Peppino avrà modo di mostrare tutta la sua versatilità; si ricordano in particolare due interpretazioni che danno la dimostrazione della capacità di Peppino di uscire dai limiti del teatro brillante e dialettale: quella de Il guardiano di Harold Pinter, diretto da Edmo Fenoglio nel 1977 con Ugo Pagliai e Lino Capolicchio, e quella di Arpagone ne L'avaro di Molière.
Ma Peppino non è legato solo al teatro: probabilmente la sua grande popolarità è dovuta soprattutto al cinema e alla televisione.
Il suo sodalizio con Totò in diversi film ha dato vita ad una delle più straordinarie coppie comiche del cinema italiano.