Logo San Marino RTV

26 marzo 1927: la prima edizione della MilleMiglia

26 mar 2018
26 marzo 1927: la prima edizione della MilleMiglia
Parte la prima edizione della “Mille Miglia”. Al via ci sono settantacinque equipaggi, due soli stranieri. La vittoria va all’equipaggio costituito da Ferdinando Minoia e Giuseppe Morandi sulla OM 665 S Spyder, in 21 ore, 4 minuti, 48 secondi. Gastone Brilli Peri, favorito con la sua Alfa Romeo RLSS, si era ritirato a Perugia. Al secondo e al terzo posto ci sono altre due O.M., per un tripudio tutto bresciano.

In assenza di mezzi di comunicazione in tempo reale, la televisione non era ancora stata inventata e la radio era agli albori, fu il passaparola a svegliare i bresciani; incredibilmente il pubblico era numerosissimo, sebbene nessuno immaginasse che la lunga cavalcata di 1.600 chilometri attraverso l'Italia sarebbe potuta durare così poco. Le strade degli anni Venti non erano asfaltate e, con eccezione delle lastricature in pietra nei centri abitati, le carreggiate erano del tutto sterrate. I concorrenti della Prima Coppa delle Mille Miglia partirono con i bagagli, convinti di stare in viaggio almeno due giorni.

I giornali titolano che una nuova era, quella di una libertà fino allora sconosciuta, si è aperta; il "Corriere della Sera" scriveva: «Poco più di venti ore, nemmeno un giorno e una notte per compiere quasi 1700 km: una media che supera i 77 orari. L'automobile è passata per le strade di mezza Italia come un dominatore di tempo e di spazio. Il successo del mezzo meccanico appare dunque grandioso».

Nelle intenzioni dei suoi ideatori (Aymo Maggi, Renzo Castagneto e Franco Mazzotti), la “Mille miglia” doveva svolgersi in un’unica edizione su un percorso ad "otto" (Brescia-Roma-Brescia), ma l'enorme successo ottenuto incoraggia gli organizzatori a replicare l'evento, dal 1927 al 1957, per 24 volte. Ferrari la definirà: “La corsa più bella del mondo”.