Logo San Marino RTV

31 marzo 1993: durante le riprese de “Il corvo”, muore Brandon Lee

31 mar 2017
Brandon Lee
Brandon Lee
L'arma doveva essere caricata a salve, ma spara per davvero. Giungono i soccorsi, inutilmente. Brandon Lee, colpito in pieno petto, muore dopo 12 ore d'intervento al al “New Hanover Regional Medical Center” di Wilmington.

Il film venne comunque portato a termine dal regista grazie all’aiuto di flash back, alla tecnica digitale e alcune scene furono interpretate da un sosia. La pellicola ebbe un enorme successo di pubblico in tutto il mondo, forse anche grazie alla terribile morte del protagonista avvenuta sul set.

Scompare Brandon, nasce il mistero che riconduce l’episodio a quella che è stata definita la “maledizione dei Lee“. Anche il padre Bruce, infatti, il 10 maggio 1973, negli studi della Golden Harvest, durante le sessioni di doppiaggio de I tre dell’Operazione Drago,era stato colto da un attacco di vomito, febbre alta e forti convulsioni. Venne immediatamente trasportato all’ospedale più vicino, dove riscontrarono la presenza di un edema cerebrale. In quell’occasione riuscì a guarire, ma fu sempre un edema cerebrale, che lo uccise tre mesi dopo, senza lasciargli via di scampo.

L’attore fu sepolto vicino alla tomba del padre Bruce. Brandon doveva sposare Eliza Hutton, sua fidanzata storica, appena finite le riprese del film. E per questa alla fine della pellicola la dedica recita: ”For Brandon and Eliza”.