Logo San Marino RTV

Accordo vigili del fuoco San Marino e Rimini

14 mar 2004
Accordo vigili del fuoco San Marino e Rimini
La lettera è partita venerdì per il Ministero degli Esteri italiano. L’ha inviata il Segretario agli affari esteri, Fabio Berardi, nota redatta congiuntamente con la segreteria agli interni, competente per materia. Si richiede l’interessamento della Farnesina per arrivare al buon esito dell’accordo tra i vigili del fuoco di Rimini e la Repubblica di San Marino. Repubblica che ha già dato il via libera allo scambio di informazioni con il corpo di Rimini sulle zone e sugli edifici più a rischio, sui sistemi di sicurezza, sulle materie e sostanze trattate in territorio e sull’ubicazione delle centrali elettriche e dell’acqua. Nella bozza di accordo oltre alle condizioni dei sicurezza richieste da Rimini è previsto anche il discorso di copertura assicurativa e dell’esonero da ogni responsabilità civile. Interni ed esteri hanno chiesto a Roma di interessarsi della vicenda affinché si arrivi alla sottoscrizione in tempi brevi dell’accordo e nel frattempo venga prevista la continuità del servizio da parte dei pompieri riminesi. E proprio lunedì mattina nella sede del comando provinciale i vigili del fuoco si riuniranno in assemblea decideranno il da farsi. L’ultimatum infatti sta per scadere, i 60 giorni di tempo concessi alle autorità competenti termineranno il 18 marzo, e da quella data, hanno annunciato, potrebbero essere sospesi gli interventi nella Repubblica di San Marino.
E proprio sulla questione intervengono i Sammarinesi per la libertà che in un comunicato stampa chiedono chiarezza. Al segretario di stato agli interni Loris Francini domandano di spiegare perché l’Italia non abbia ancora firmato l’accordo in materia di protezione civile e se ci siano cose che l’Italia abbia chiesto a San Marino e non siano invece state garantite.