Logo San Marino RTV

L'acqua e il suo utilizzo consapevole: una serata di riflessione a Villa Manzoni

25 ott 2018
Villa Manzoni
Villa Manzoni
Ieri sera si è parlato dell'utilizzo consapevole dell'acqua, il più prezioso dei beni di cui dispone il Pianeta, grazie alla sensibilità di una equipe di hair stylist di Dogana che ha voluto investire il proprio budget pubblicitario in iniziative tese alla divulgazione di temi importanti. “La civiltà industriale ha fatto 'un buco nell'acqua'?” è la domanda attorno alla quale è ruotato l'incontro intitolato “Water like Love”.

Interrogativo a cui ha tentato di rispondere Giorgio Conti, già docente presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, proponendo una analisi delle problematiche dell'ecosistema acqua a livello globale. La carenza d'acqua in base a recenti stime dell'Onu potrebbe infatti interessare, per almeno un mese all'anno, circa 5 miliardi di persone entro il 2050, ossia circa la metà della popolazione mondiale stimata per quella data. Tra le cause della carenza d'acqua vengono indicati il cambiamento climatico, l'aumento della domanda di risorse idriche e l'inquinamento. Per Conti le città e i territori dovranno pertanto confrontarsi sempre di più con opere di mitigazione e di adattamento. Il geologo ed insegnante sammarinese Remo Massari si è concentrato invece sulla situazione dell'acqua a San Marino, lanciando un appello contro gli sprechi e ponendo l'accento sul problema irrisolto della depurazione delle acque in ottica potabilità. Infine la proposta di un'idea vincente: l'orto acquaponico, ovvero la coltivazione di un orto allevando pesci in un acquario, azione ad impatto zero praticabile sia a livello industriale sia a livello privato.