Logo San Marino RTV

Agenzia delle entrate a caccia di evasori sulle spiagge italiane

9 ago 2010
Agenzia delle entrate a caccia di evasori sulle spiagge italiane
Agenzia delle entrate a caccia di evasori sulle spiagge italiane
Il primato del bagnino più povero è andato ad uno stabilimento balneare di Cervia: 411 euro il reddito dichiarato, 36 mila quello accertato dalle fiamme gialle. Ma le curiosità fiscali non si fermano qui. L’agenzia delle Entrate ha passato al setaccio tutte le località turistiche della penisola italiana, per verificare i comportamenti fiscali di clienti ed esercenti. Nel mirino porti turistici, bar, ristoranti, spiagge e discoteche. Molti gli enti no profit che in realtà offrono circoli nautici esclusivi e approdi di lusso, bar e ristoranti aperti al pubblico ma travestiti da associazioni culturali, come a La Spezia, dove un club per il gioco del calcio offriva posti barca e rimessaggio per i diportisti. La fantasia fiscale degli italiani è senza limiti: in Campania, sul litorale domizio, il gestore di un lido dichiarava più incassi in autunno che in piena estate. E poi bungalow e mini appartamenti camuffati da capanne o alberghi che pur affittando stanze non avevano mai rilasciato una ricevuta fiscale. Reddito zero anche per diversi bar e ristoranti romagnoli, cui le Entrate di Ravenna hanno contestato in totale circa 1 milione e mezzo di euro di imposte evase. Sotto torchio anche i locali notturni in Veneto, Lazio e in Romagna. A decine di discoteche le fiamme gialle hanno contestato falsi conti in rosso, la mancata emissione di biglietti d’ingresso e il ricorso a personale non in regola.

Sergio Barducci