Logo San Marino RTV

Caccia: a Fiorentino protestano "armate" di coperchi. La Federcaccia: "una provocazione"

26 ott 2019
Nel servizio di Mauro Torresi l'intervista alla residente Francesca Verducci
Nel servizio di Mauro Torresi l'intervista alla residente Francesca Verducci

Come previsto, un piccolo gruppo di donne si è ritrovato questa mattina per esprimere dissenso verso la caccia. A Fiorentino le protagoniste della protesta si sono avvicinate a dei cacciatori e hanno iniziato a battere coperchi con l'intento di far allontanare gli animali. La protesta, lanciata dalla residente Francesca Verducci, si ripete da giorni, con l'hashtag #SanMarinoControLaCaccia. Verducci si dice esasperata dagli spari troppo ravvicinati alle case, anche alla sua. Bossoli finiti in giardino, racconta, sui terrazzi e sui tetti.

Non sono mancati momenti di tensione che hanno coinvolto, suo malgrado, anche il cameraman di Rtv preso a male parole da un cacciatore mentre stava filmando. A rasserenare gli animi, sul posto, il presidente della Federazione Sammarinese Caccia, Pier Marino Canti, che però chiarisce: “Suonare dei coperchi di metallo di fianco ai cacciatori è una provocazione”.

La Federazione, tramite una nota, ha ricordato il divieto di sparare a distanza minore di 150 metri da immobili e vie di comunicazione e ha invitato gli iscritti a rispettare le norme. Allo stesso tempo, ha definito "strumentali" iniziative e azioni dettate da "posizioni ideologiche". Domani si aggiungeranno alla protesta attivisti del Comitato Anticaccia Italiano.

Nel servizio di Mauro Torresi l'intervista alla residente Francesca Verducci e le parole del presidente della Federcaccia Pier Marino Canti