Logo San Marino RTV

Catturato Luciano Liboni

31 lug 2004
Catturato Luciano Liboni
“Spero che non muoia. Per lui morire sarebbe un successo”. Così Francesco Giorgioni, il padre di Alessandro, l’appuntato dei carabinieri ucciso a Pereto di Sant’Agata Feltria da Luciano Liboni, ha accolto la notizia della cattura del killer. Liboni, detto il Lupo, è stato preso al Circo Massimo, a Roma, dopo un conflitto a fuoco. Le forze dell’ordine gli davano la caccia senza sosta, dal 22 luglio scorso, giorno dell’assassinio di Alessandro Giorgioni. Tre giorni dopo, a Roma, il Lupo è tornato a sparare sempre per sottrarsi ad un controllo di polizia. Nel curriculum di questo pericoloso pregiudicato c’è anche un tentato omicidio. E’ avvenuto il 3 luglio, alle porte della capitale italiana, sempre ai danni di un carabiniere. Oggi la cattura. Luciano Liboni, dopo avere sparato alcuni colpi di arma da fuoco contro i carabinieri, ha tentato di fuggire verso la stazione della metropolitana prendendo in ostaggio una donna e puntadole una pistola alla tempia. Il tentativo è però stato bloccato immediatamente dai carabinieri che lo hanno circondato. Il Lupo non si è arreso subito e ha continuato la fuga a piedi lasciando l’ostaggio. Colpito, dopo un nuovo conflitto a fuoco, Liboni è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale San Giovanni. E’ stata fatta giustizia commentano i carabinieri di Pesaro che hanno salutato la notizia con doppia soddisfazione perché il killer di Giorgioni è stato assicurato alla giustizia proprio dai militari dell’Arma, rendendo così onore al loro caduto.