Logo San Marino RTV

Coronavirus a San Marino: guarigioni superano decessi, 7 i nuovi casi

I Segretari di Stato Ciavatta e Lonfernini annunciano una serie di decreti per dare sostegno alle fasce di popolazione meno tutelate

5 apr 2020
Coronavirus a San Marino: guarigioni superano decessi, 7 i nuovi casi

Sono dati confortanti quelli forniti oggi dal direttore dell'Authority sanitaria, Gabriele Rinaldi, nella consueta conferenza stampa. Per il secondo giorno consecutivo non si registrano decessi. Otto i nuovi guariti che fanno da contraltare ai sette nuovi casi, frutto di 55 tamponi. “Per la prima volta i guariti (35) – rileva – superano il numero dei decessi (32)”. 199 i pazienti totali; 49 quelli ricoverati, di cui 14 in rianimazione. C'è inoltre una ulteriore dimissione il cui numero totale sale a 96. 418 le quarantene attive (39 riguardano personale sanitario, 7 le forze dell'ordine). 14 i tamponi in attesa di risposta. “C'è quindi un segnale di speranza – afferma il dottor Rinaldi – ma i sette nuovi casi devono farci tenere accesa la spia d'allarme”.

Il fumo di sigaretta può trasportare il virus? Il dottor Rinaldi premette che “il pomone dei fumatori è più aggredibile” e quindi chi ha il vizio corre più rischi, ma “non si hanno evidenze sul fumo come veicolo di trasmissione”. Ci sono però gesti che possono portare maggiori rischi, come lo spostarsi la mascherina per fumare o l'avvicinare le dita alla bocca. Rinaldi, sollecitato da una domanda, torna sulle mascherine. Non si hanno segnalazioni su prezzi fuori dalla norma nelle farmacie di San Marino che sono pubbliche e che forniscono solo presidi sicuri. Mentre, se si acquistano in altri negozi, occorre controllare che siano dispositivi di protezione certificati. In settimana – anticipa Rinaldi – l'Oms darà ulteriori indicazioni sull'uso delle mascherine.

Il Segretario alla Sanità, Roberto Ciavatta, torna sul nuovo decreto che porta al 20 aprile tutte le misure presenti nei decreti precedenti. “Crediamo che almeno altre due settimane di stop siano indispensabili”. Alla consegna di farmaci e alimenti ai pazienti in quarantena, a breve si aggiungerà anche la fornitura a domicilio per le cosiddette “ricette croniche”. Questo aiuterà ad eliminare le file che si sono viste davanti alle farmacie del Titano.

Ciavatta poi annuncia un'altra serie di decreti, previsti già per la prima metà della prossima settimana, che rimoduleranno misure già in corso e che possano andare incontro alle difficoltà delle attività che, per legge, hanno dovuto chiudere. Fa quindi riferimento soprattutto al settore del commercio e della ristorazione. “Non possiamo nascondere – afferma - che andranno integrate misure di sostegno a quelle per liberare liquidità, in attesa che il nostro Paese possa accedere a forme di sostegno”. I canali diplomatici – dice – stanno lavorando per questo. Tornando alla questione sanitaria e rispondendo ad una domanda, rimarca che, nonostante percentuali di contagio più alte rispetto ai paesi più grandi, “il sistema sanitario di San Marino non è mai stato in crisi. Siamo ben attrezzati”. Annuncia poi che, col tempo, lo screening sarà effettuato sull'intera popolazione.

Anche il Segretario al Lavoro, Teodoro Lonfernini, sottolinea che il governo sta lavorando alle misure più opportune per il rilancio. I prossimi decreti riguarderanno le esigenze delle persone meno tutelate. Elenca disoccupati, zero reddito, lavoratori a tempo determinato che hanno perso lavoro, lavoratori autonomi, liberi professionisti. Ma – rimarca – ogni nostra azione deve tenere conto dell'equilibrio per il bilancio pubblico

Leggi il comunicato stampa dell'Iss