Logo San Marino RTV

Datagate: 46 milioni di telefonate spiate in Italia in un mese

28 ott 2013
Datagate: 46 milioni di telefonate spiate in Italia in un mese
Datagate: 46 milioni di telefonate spiate in Italia in un mese
Lo scandalo Datagate continua ad allargarsi: in un mese - dal 10 dicembre 2012 al 13 gennaio 2013 - l'Nsa avrebbe spiato 124,8 miliardi di telefonate in tutto il mondo, di cui 46 milioni in Italia. Travolta dalle critiche, l'agenzia di spionaggio Usa avrebbe intanto messo fine al programma di controllo su 35 leader mondiali inclusa Angela Merkel.
Il Bundestag si occuperà con ogni probabilità del datagate. L'opposizione chiede una commissione di inchiesta parlamentare e nessun partito si oppone. A chiedere per primi la nomina di una inchiesta parlamentare del Bundestag, sono stati i due futuri partiti di opposizione, la Linke (sinistra) e i Verdi, ai quali si è aggiunta ora anche la Spd. Il partito socialdemocratico era all'opposizione nella passata legislatura ma sarà con molta probabilità al governo in una grande coalizione con i cristiano democratici della Merkel. L'Unione Cdu-Csu, attraverso il capogruppo Volker Kauder ha fatto sapere che non si oppone, il che vuol dire che la commissione, anche se teoricamente la Spd non ci stesse, sarebbe nominata. A chiedere una commissione di inchiesta è stata anche la segretaria generale della Spd, Andrea Nahles: "E' inevitabile", ha detto alla Bild. In tal caso potrebbe essere invitato a testimoniare anche l'ex agente Edward Snoweden: sarebbe un "testimone prezioso", ha detto Washington ha ammesso che la Merkel è stata spiata fino a di recente, ma il presidente Barack Obama, secondo il Wall Street Journal, lo avrebbe appreso solo poche settimane fa.
E in seguito al clamore mediatico del Datagate questa mattina a Roma agenti di Polizia, coadiuvati anche dalle unità cinofile e squadre antisabotaggio, stanno monitorando numerosi cunicoli e tombini nei pressi di obiettivi sensibili, soprattutto nelle vicinanze delle sedi diplomatiche, ed in particolare lungo il perimetro dell'Ambasciata degli Stati Uniti d'America.
L'Intelligence ha comunque sottolineato che a parlare di 46 milioni di telefonate non sono fonti ufficiali. Ci sono accordi di intelligence tra Italia ed Usa, ma questa collaborazione non prevede che i cittadini della prima vengano 'spiati' dai secondi. E' comunque noto che la Nsa attua in tutto il mondo una raccolta imponenti di flussi grezzi di comunicazione, i cosiddetti metadata, cioè l'identità di chi comunica, la durata del contatto, le utenze utilizzate. A far scattare l'intercettazione vera e propria del contenuto della comunicazione sono alcune parole chiave o utenze sospette che possono fare emergere un pericolo per la sicurezza nazionale o dei paesi alleati. Di questa attività si sarebbe parlato nelle scorse settimane durante i colloqui tra i vertici dell'Intelligence di Roma e Washington.

Secondo il Wall Street Journal il presidente americano, Barack Obama, avrebbe passato quasi cinque anni senza sapere che le sue spie monitorassero i leader mondiali.
In Germania sarebbero state intercettate 361 milioni di telefonate mentre in Spagna 62 milioni. Pesante anche il bilancio delle intercettazioni in Francia, 70,2 milioni di telefonate intercettate, così come quello di Pakistan e Afghanistan, con rispettivamente 12,76 e 21,98 miliardi di telefonate. Poco chiari, invece, i numeri riguardanti gli Stati Uniti: sembrerebbe trattarsi di 3 miliardi di telefonate.