Logo San Marino RTV

Esodo di fine luglio

30 lug 2004
Esodo di fine luglio
Si mette in moto il grande esodo di fine luglio. Con la chiusura delle aziende saranno 8 milioni i veicoli in circolazione in questo fine settimana. Da solo, il sistema autostradale dell’Emilia Romagna raccoglierà, anche questa volta, quasi 1/6 dei passaggi autostradali d’Italia. Un milione e mezzo le auto dirette sulla costa romagnola. Traffico intenso per tutta la giornata sulla A14 tra Bologna e Pescara, con punte critiche nel pomeriggio. Sabato invece sarà un giorno da bollino rosso per mettersi in viaggio. Dalle 6 del mattino alle 18, la A14 sembra registrare il tutto esaurito. La situazione si preannuncia calda anche sul fronte meteorologico almeno per i prossimi 5 giorni. Qualche temporale, sul Titano e in Riviera, è previsto nel pomeriggio di sabato, ma sarà solo l’occasione per mantenere fresche le temperature. Da domenica fino ai primi 10 giorni di agosto, la tintarella sembra essere assicurata. Le spiagge riminesi, secondo telefono blu, faranno registrare l’80% della capacità ricettiva, il miglior risultato della stagione. Ottima anche l’affluenza per le spiagge cesenati e ravennati. Una boccata d’ossigeno per la riviera che finora, in questa estate 2004, ha registrato un notevole calo di presenze. Nel periodo maggio - luglio, ha spiegato l’amministratore dell’Apt Giuseppe Chicchi, la costa ha fatto segnare una diminuzione di turisti di oltre il 5%. E se la Riviera piange, San Marino non ride. La Repubblica tirerà le somme solo al termine degli eventi messi in campo proprio per incentivare le presenze sul Titano. Di fatto l’industria del turismo deve fare i conti con una contrazione generale dei consumi e puntare al mantenimento delle posizioni consolidate. Ci si consola guardano ai concorrenti internazionali che stanno decisamente peggio: le isole Baleari registrano un –15% di presenze, la Grecia –16, le Canarie –9%. Insomma, secondo il rapporto dell’osservatorio turistico dell’Emilia Romagna, la crisi di questo luglio risulta essere superiore a quella del 2003. Anche perché in 2 anni, una vacanza per 3 persone, comprensiva di spiaggia, bevande, gelati e intrattenimento, è aumentata di oltre il 20%.