Logo San Marino RTV

Giornata Mondiale dell'Alzheimer

21 set 2004
Giornata Mondiale dell'Alzheimer
18 milioni in tutto il mondo. 600mila in Italia. 50mila in Emilia Romagna con una incidenza di 9mila nuovi casi all’anno. Sono i numeri, drammatici, dell’ Alzheimer, malattia che colpisce, per la maggior parte, persone oltre i 65 anni e che e’ caratterizzata da perdita delle memoria e senso del tempo, disturbi nella sfera della personalità e del comportamento. E’ la forma più comune di demenza senile, uno stato provocato da una alterazione delle funzioni cerebrali. L’Alzheimer è progressivo, di difficile diagnosi nella fase iniziale e può durare anche molti anni. “Per non dimenticare chi dimentica” è lo slogan scelto dall’OMS per l’11esima giornata mondiale dell’Alzheimer. Obiettivo: sensibilizzare, creare una coscienza pubblica sui problemi provocati dalle demenze senili. L’Alzheimer ha, in genere, un inizio subdolo, le persone cominciano a dimenticare alcune cose, per arrivare al punto in cui non riescono più a riconoscere nemmeno i familiari e hanno bisogno di aiuto anche per le attività quotidiane più semplici. Oggi, purtroppo, non esistono farmaci in grado di fermare e far regredire la malattia. Tutti i trattamenti disponibili puntano a contenerne i sintomi. L’Alzheimer è una emergenza sanitaria destinata a esplodere: oggi i casi sono 18 milioni nel mondo, ma il dato – ricorda l’OMS – e’ destinato a raddoppiare entro il 2025 per via dell’invecchiamento della popolazione.