Logo San Marino RTV

Il giorno dell'Unesco

7 lug 2009
unesco
unesco
Ogni 7 luglio per il futuro si ricorderà l’ingresso di San Marino, Borgo e Monte Titano nei luoghi della storia e della cultura da conservare a futura memoria: insieme ad altri 800 siti sul pianeta e ormai da 37 anni le Nazioni Unite attraverso l’UNESCO dipingono la geografia dei posti più belli e importanti del mondo; e San Marino c’è, per sempre. Il Direttore del Centro Patrimonio Mondiale Francesco Bandarin, accompagnato dal presidente dei siti italiani Claudio Ricci, ha ricevuto la Croce di Sant’Agata dalle autorità di governo esternando a sua volta l’orgoglio di portarla in giro per il mondo insieme alla pergamena della Eccellentissima Reggenza. In sala consigliare davanti alle autorità e ai cittadini la consegna del Certificato d’Iscrizione del Sito Sammarinese alla lista storica UNESCO: nell’occasione la Reggenza si è resa testimone dell’epocale collegamento tra passato e futuro del paese:” orgoglio che arricchisca di una nuova consapevolezza d’esser Sammarinesi”. Il Segretario Mularoni ha introdotto parlando di un modello culturale nuovo nella tradizione delle origini basato su pace e accoglienza visto che “oggi inizia il vero amore”-secondo il direttore del Patrimonio- nel mantenere l’integrità e l’autenticità di San Marino davanti ai cittadini per le future generazioni. Il Segretario Berardi anticipando il progetto di legge quadro del governo ha insistito pubblicamente sulla struttura operativa quale autorità d’indirizzo e coordinamento; anche Venturini responsabile del Territorio ha chiuso sulla sfida futura nelle responsabilità della gestione dei beni. Nello scenario suggestivo del Centro Storico fino alla Porta del Paese l’incontro delle personalità con la gente a sottolineare l’importanza turistica dell’evento lo scoprimento delle targhe in bronzo davanti agli amministratori di castello e ai segretari Morri e Arzilli la conclusione della mattinata storica a Mercatale: “nel cuore medioevale dei commerci, che si appoggia al Monte”; il cuore della gente.

Francesco Zingrillo