Logo San Marino RTV

I medici del pronto soccorso chiedono cardiologi nei weekend e di notte. Iss: da luglio turni anche sabato e domenica

di Mauro Torresi
25 giu 2019
Pronto soccorsoIl resoconto della Consulta sanitaria
Il resoconto della Consulta sanitaria

Tra i destinatari della lettera figurano, tra gli altri, il Comitato esecutivo Iss e la Segreteria di Stato alla Sanità. I dottori in servizio al pronto soccorso chiedono che sia ripristinata la reperibilità per gli specialisti in cardiologia, per affrontare le situazioni critiche in orari non coperti. Il tema è stato al centro dell'ultima riunione della Consulta socio-sanitaria. Si tratta di una questione legata, in gran parte, al problema della carenza di medici.

Al momento, negli orari non serviti, ci si confronta con Rimini per decidere se trattare il paziente a San Marino o trasferirlo fuori territorio. I rappresentanti della Consulta socio-sanitaria chiedono quindi all'Iss e alle istituzioni se la reperibilità sarà riattivata. Appello accolto: il Segretario di Stato Franco Santi ricorda i passi in avanti fatti per far tornare le liste d'attesa in cardiologia alla normalità e conta di poter dare nuove risposte in due o tre mesi. E i vertici ISS anticipano che, già a luglio, presumibilmente da metà mese, sarà prevista la presenza in ospedale del cardiologo sabato e domenica.

È questione di riorganizzazione del lavoro dei medici, spiega Santi. A livello politico, arriva il sostegno del Partito socialista al personale del pronto soccorso e l'impegno a fare “di tutto” per avere risposte in tempi brevi. Altra questione trattata è quella dei rapporti con i medici di base, in particolare la presenza di un solo dottore per coprire il territorio di notte e nei festivi, anziché uno per ogni centro sanitario come in passato. Questo porta i pazienti a usufruire del pronto soccorso per casi che potrebbero essere trattati in un altro modo, dice il presidente della Consulta Giuliano Giardi.

Nessun problema, invece, spiega sempre Giardi, nel gestire le emergenze in pronto soccorso con l'estate e il turismo. Dal 15 giugno è poi attivo il punto della croce rossa in Città, nei pressi di viale Onofri, aperto sia ai cittadini sia ai visitatori.