Il caso targhe approda alla Camera dei Deputati: interrogazione da Di Maio (Pd)

Il deputato chiedeva di salvaguardare la specificità di San Marino. Per il governo ha risposto il sottosegretario alla Giustizia Morrone

di Francesca Biliotti
9 apr 2019
SRV_TARGHE_MONTECITORIO

Si inizia a parlare del caso targhe anche a Montecitorio. Il governo, nella persona del sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone (Lega), che all'ultimo ha sostituito il sottosegretario competente, quello al ministero dell'Interno Molteni, ha ribadito gli obiettivi per cui è stato varato il decreto sicurezza, ossia contrastare l'esterovestizione, allo scopo di eludere gli obblighi assicurativi e fiscali. San Marino ci è finito in mezzo, e non può beneficiare di alcuna delle deroghe contenute nel decreto. Una risposta che, secondo Marco Di Maio, eletto a Forlì, non dice nulla, poiché il governo ha solo letto la normativa senza assumere alcun impegno rispetto a ciò che era stato chiesto. 


Nel video l'intervento alla Camera del Sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone, e l'intervista a Marco Di Maio, deputato del Partito Democratico