Logo San Marino RTV

Intercettazioni: San Marino-Italia a confronto

7 lug 2008
Un'intercettazione
Un'intercettazione
La normativa sammarinese già avviata all’iter consiliare è stata presentata da Glauco Giostra, ordinario di procedura penale de “La sapienza” di Roma. Un progetto sobrio, rispetto all’approccio agitato e convulso in Italia. Parere confrontato poi nel dibattito con i politici italiani presenti: Gaetano Pecorella e Lanfranco Tenaglia. Politici, giudici, avvocati, commercialisti, polizia, giornalisti e semplici cittadini. Tutti interessati alle intercettazioni: “ uno strumento tanto prezioso quanto insidioso” per questo l’estensore del progetto chiede di ridurre al minimo quelle inutili. Il principio di stretta necessità deve valere anche per il tipo e la modalità dell’intercettazione. Con uno stretto controllo giurisdizionale sul grado di invasività. Non disdegna qualche critica al disegno di legge italiano in materia, così come al divieto di pubblicazione dei verbali. “ non credo – dice Giostra – a questo proibizionismo. Il mercato nero della notizia è quanto di peggio si possa avere per la giustizia. Meglio, una volta venuto meno il segreto istruttorio, in fase di udienza preliminare, divulgare la notizia agli organi di stampa”. Una questione che tocca anche San Marino, dal momento il divieto di pubblicazione – all’articolo 14 del progetto – non entra nel merito del quando è possibile rendere note le trascrizioni non custodite nell’ archivio riservato. Altro capitolo il rapporto politica e giustizia. Polemico con la legge italiana che autorizza le intercettazioni di un onorevole solo previa autorizzazione del parlamento. La proposta sammarinese vieta le intercettazioni per i Capitani Reggenti durante il semestre, mentre vieta il loro utilizzo nel caso di membri del governo e consiglieri salvo autorizzazione a maggioranza assoluta del consiglio grande e generale e previo parere favorevole della commissione giustizia. Cioè un utilizzo delle intercettazioni da parte dei giudici sottoposto alla stessa autorità politica, forse la sintesi migliore nelle ragioni delle due parti.