Logo San Marino RTV

Lavori pubblici, lunga lista di opere da realizzare, ma la prima urgenza è l'ospedale

La struttura di Cailungo presenta criticità impiantistiche, di sicurezza antincendio, logistica e vulnerabilità sismica

di Francesca Biliotti
3 set 2019

È una lista di opere e lavori pubblici corposa, quella che la Segreteria al Territorio vorrebbe vedere realizzata e che intanto ha messo nero su bianco nel programma economico. Oltre ad interventi di riqualificazione nel centro storico, tra i quali il rifacimento delle pavimentazioni e l'ex centro sanitario di Città da destinare all’Ufficio del Turismo, con l'impresa Edile Titano che si è aggiudicata l'esecuzione dei lavori per un importo di quasi 860mila euro e una durata di 600 giorni di lavori, altri interventi sono attesi in tutto il territorio. Già dato incarico professionale per un progetto speciale tra Cava degli Umbri e Cava Antica denominato “Wellness Park”, un parco del benessere, “centro di eccellenza sensoriale ed esperienziale”, si legge ancora nel programma economico, con tanto di palestre fitness, oltre ad un'arena eventi alla Cava Antica. Si prevede inoltre un parcheggio interrato predisposto anche per la ricarica delle auto elettriche. Parcheggio multipiano anche a Borgo Maggiore presso Campo della Fiera, col cantiere che dovrebbe partire entro il 2020. A Valdragone, più precisamente all'immobile Forcellini Carni, l'obiettivo è costruire un nuovo polo servizi per ospitare i numerosi uffici pubblici. L'Archivio di Stato dovrebbe invece andare nella zona servizi di Ca' Martino. Per quanto riguarda il carcere, la nuova struttura dovrebbe sorgere a Murata nell'area limitrofa alla sede della Polizia Civile. E per trasferire Interpol e Gendarmeria, con ufficio comando, ufficio stranieri e armi, è stata individuata una zona più baricentrica a Borgo Maggiore su terreno di proprietà dell'Eccellentissima Camera. Discorso a parte viene fatto per l'ospedale di Stato, per il quale, si legge, “sono emerse una serie di problematiche tali da rendere improrogabile la pianificazione degli interventi necessari per la realizzazione di una nuova struttura ospedaliera”. Oltre alla vulnerabilità sismica sono emersi problemi di natura impiantistica, sicurezza antincendio e logistica. Non sembra prorogabile, è la conclusione, la realizzazione di una nuova struttura, anche grazie al coinvolgimento di capitali privati, realizzazione da suddividere in blocchi per garantire sempre la piena funzionalità dell'ospedale. Il progetto c'è già, alcune risorse sono già state impegnate, intanto lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria proseguono, specie da quando la casa di riposo è stata portata via, liberando spazi, ed anche alcuni ambulatori sono stati spostati, come quelli pediatrici.