Logo San Marino RTV

Per quattro eventi estivi dell'estate sammarinese, 159.200 euro di contributi pubblici

Michelotti: "Presto l'emissione del bando per un grande appuntamento nel 2020, comparabile a Timeline"

9 ago 2019
eventi San MarinoPer quattro eventi estivi dell'estate sammarinese, 159.200 euro di contributi pubblici
Per quattro eventi estivi dell'estate sammarinese, 159.200 euro di contributi pubblici

I quattro eventi clou in territorio, dell'estate turistica sammarinese, hanno comportato erogazioni e contributi pubblici per complessivi 159.200 euro.

9.500 per lo Smiaf, 24.700 per “San Marino, che Storia” e il resto per due appuntamenti che devono ancora andare in scena: 25mila euro per la sesta edizione di San Marino Comics – il festival del fumetto e della cultura Pop, dal 23 al 25 agosto - e 100mila euro per “Play DeeJay” la tre giorni dal 30 agosto al 1° settembre, all'insegna della musica di Radio DeeJay, con gli artisti del momento, lo sport il wellness.

“Solo per “Timeline” - commenta il Segretario al Turismo Augusto Michelotti – nel 2018 avevamo messo 180mila euro. Quest'anno abbiamo proposto, in sostituzione, “San Marino, che storia”, che ci è costato molto meno”. Tuttavia un evento, comparabile a “Timeline”, fa sapere Michelotti, tornerà nell'estate 2020. Sarà a cadenza biennale e tra non molto è prevista l'emissione del bando per l'organizzazione.

Ma come è andata finora? “Non abbiamo ancora dati ufficiali ma la gente c'è stata – commenta Michelotti – nonostante un generale calo di arrivi, che del resto ha interessato anche la Riviera”.

Per l'Usc, che proprio oggi definisce Michelotti in un comunicato, il Segretario più imbarazzante della storia sammarinese, serve più condivisione nelle scelte e gli eventi dovrebbero essere pianificati con maggior anticipo per poi promuoverli in maniera più efficace. “Bene gli appuntamenti che si ripetono come Comics e Smiaf – dice la Presidente Usc Andreina Bartolini – In occasione di “San Marino, che storia” invece, i turisti non sapevano dove andare perché non c'era informazione e chiedevano agli agenti.

Serve inoltre, una metodologia più certa per misurare l'effettivo impatto turistico degli eventi”. Analoga l'analisi del Direttore Osla Emanuele D'Amelio, secondo il quale i numeri reali sono fondamentali per operare delle scelte di politica turistica, che dovrebbero essere maggiormente condivise.