Logo San Marino RTV

Prevenire le malattie cardiovascolari è possibile: l'esperto ci spiega come controllare il proprio cuore e quello dei propri figli

E' possibile sostenere la Fondazione per il Tuo cuore, donando 2 euro con un sms o 5 - 10 euro chiamando da rete fissa il numero 45523.

14 feb 2020
Prevenire le malattie cardiovascolari è possibile: l'esperto ci spiega come controllare il proprio cuore e quello dei propri figli

In questi giorni torna il nostro consueto appuntamento di Cardiologie Aperte, in cui oltre 170 Cardiologie distribuite sul territorio nazionale apriranno gratuitamente le porte al cittadino con screening cardiologici personalizzati, divulgazione di materiale informativo, dibattiti con gli esperti e attività di educazione sanitaria con l’obiettivo di individuare precocemente le malattie cardiovascolari e sensibilizzare la popolazione sui fattori di rischio che possono provocare una cardiopatia.

Benedetta de Mattei ha incontrato il Prof. Michele Gulizia – Presidente della Fondazione per il Tuo cuore dei Cardiologi Ospedalieri Italiani e Direttore Cardiologia Ospedale Garibaldi-Nesima di Catania - per parlare dell’importanza della prevenzione cardiovascolare negli adulti e nei bambini.

La prevenzione cardiovascolare è importantissima per tutti, perché?
La prevenzione cardiovascolare è estremamente importante perché permette di ridurre l’impatto delle malattie cardiovascolari, che con oltre 240.000 decessi ogni anno, rappresentano oggi la prima causa di morte in Italia, superando di gran lunga l’ictus cerebrale e le malattie neoplastiche. Questa strage colpisce indifferentemente uomini, donne, giovani, anziani e bambini, ma il 70 % delle nuove diagnosi di malattie cardiovascolari potrebbe essere evitato intervenendo sui fattori di rischio modificabili.

Quali sono i fattori di rischio?
Vi sono dei fattori di rischio non modificabili come l’età, il sesso e la familiarità ma vi sono dei fattori di rischio che noi possiamo modificare riconducendoli a valori normali, e questi sono:
- Ipertensione arteriosa
- Diabete
- Obesità
- Sedentarietà
- Fumo di sigaretta
- Ipercolesterolemia, soprattutto per quanto riguarda gli alti livelli di colesterolo LDL.

Anche il cuore dei giovani e dei bambini va protetto
La prevenzione è importantissima anche per i giovani, dove spesso viene trascurata, poiché permette il riconoscimento precoce di cardiopatie misconosciute che possono provocare anche una morte cardiaca improvvisa. La patologia delle coronarie che è quella che poi crea la cardiopatia ischemica è una patologia che può iniziare sin da giovanissimi. Un’alimentazione non corretta, ricca di colesterolo, di grassi saturi, di trigliceridi e di zuccheri raffinati, anche nell’età infantile predispone a quelle che vengono definite strie lipidiche, cioè dei piccoli, quasi invisibili, depositi di colesterolo all’interno delle nostre arterie che con il tempo possono evolvere fino all’occlusione coronarica. Ma soprattutto un’alimentazione errata favorisce l’aumento ponderale e quindi l’obesità, che non risparmia neanche bambini e adolescenti e rappresenta una delle principali cause di sviluppo, nel tempo, di cardiopatia ischemica. Basta pensare che in alcuni studi, come quelli condotti dal Ministero della Salute, oltre il 23% dei bambini sono risultati in sovrappeso e l’11% francamente obesi. Oggi purtroppo i bambini sin dai primi anni di vita utilizzano i videogiochi e questo oltre a peggiorare il livello di comunicazione sociale, e quindi di adattabilità o di sviluppo della fantasia, porta alla sedentarietà. Mentre già nell’infanzia l’attività fisica è importantissima.

Come fare un buon check-up cardiologico?
È importante prima di tutto effettuare una visita Cardiologica ed elettrocardiogramma
, e in base ai risultati lo specialista deciderà se effettuare o meno esami di secondo livello.

Con un prelievo del sangue è inoltre possibile valutare lo stato della nostra salute attraverso:

- l’esplorazione della glicemia, per misurare il livello di zucchero nel sangue, per un’eventuale diagnosi di diabete o prediabete

- il profilo di colesterolemia e trigliceridi, per valutare quale è il valore di colesterolo soprattutto quello cattivo LD

- l’uricemia, non solo per valutare se c’è un eccesso di acido urico nel sangue ma soprattutto perché è un indice derivato che ci permette di dire quale potrebbe essere lo stato di infiammazione presente all’interno del nostro organismo

- la creatinina, che ci permette di valutare le funzioni renali

- le transaminasi, che esplorano la funzione del nostro fegato

- gli elettroliti, che sono degli elementi essenziali nella gestione di quelli che sono tutti gli scambi che servono alle nostre cellule per produrre il movimento per far funzionare i nostri organi. Importantissimi per il nostro cuore sono potassio, sodio e calcio.

l’emocromo, che va a controllare la quantità e la qualità dei globuli rossi circolanti nel sangue, essenziali per il trasporto di ossigeno al nostro cuore.

E nei bambini quali controlli fare?
Se un bambino non è stato preventivamente e accuratamente controllato e avesse ereditato una cardiopatia potrebbe essere esposto a grossi rischi, che uno screening cardiologico potrebbe evitare. Di prassi lo screening elettrografico viene eseguito dopo la nascita, verso il primo mese, per escludere problematiche legate alla cosiddetta “morte in culla” ma anche in assenza di patologie cardiovascolari evidenti dopo questa prima visita è importante eseguire, almeno, una visita cardiologica con elettrocardiogramma preventivo entro i 4 anni di vita.

La Fondazione per il Tuo cuore, fiore all’occhiello nel campo della prevenzione cardiovascolare, in questi giorni è impegnata nell’iniziativa di Cardiologie Aperte.
La Fondazione per il Tuo cuore, che ho l’onore di presiedere, da anni porta avanti numerosi progetti di prevenzione cardiovascolare rivolti all’intera popolazione. Grazie alle numerose iniziative solo negli ultimi tre anni abbiamo potuto visitare gratuitamente oltre 50.000 persone, salvando molte vite. Dopo Cardiologie Aperte, ad aprile ripartirà il Truck Tour della Banca del Cuore che raggiungerà i cittadini nelle più importanti piazze italiane per screening cardiovascolari completi gratuiti. Grazie al Progetto Nazionale di Prevenzione Cardiovascolare Banca del Cuore, ideato e coordinato dalla Fondazione per il Tuo cuore tutti i cittadini che aderiscono alle nostre iniziative ricevono gratuitamente la BancomHeart, una speciale card personale che consente l’accesso al proprio elettrocardiogramma, ai valori della pressione arteriosa, al profilo cardiovascolare e a molti altri esami clinici. Tutti i dati sono custoditi in una “cassaforte” virtuale, consultabile anche a distanza, tramite computer, tablet o cellulare, per accedervi e scaricarli in qualsiasi momento

Per portare avanti le attività di prevenzione e ricerca delle malattie cardiovascolari la Fondazione per il Tuo cuore ha bisogno dell’aiuto e del cuore di tutti gli italiani e in questi mesi è possibile sostenere la Fondazione per il Tuo cuore, donando 2 euro attraverso un sms o 5 - 10 euro chiamando da rete fissa il numero 45523.

Quali sono i consigli per mantenere un cuore sano?
L’alimentazione e l’attività fisica sono importanti e il mio consiglio è quello di assumere quotidianamente frutta e verdura (almeno tre porzioni), favorendo l’alternanza dei colori che arricchisce l’apporto di vitamine, antiossidanti e omega3; consumare cereali e ortaggi; consumare almeno 400 g di pesce a settimana; limitare la carne ad un paio di volte la settimana; e svolgere attività fisica per almeno 30 minuti al giorno.

Benedetta de Mattei