Prostituzione: una scelta di guadagno

8 lug 2012
Prostituzione: una scelta di guadagno - -
Prosegue l'impegno delle forze dell'ordine contro la prostituzione su strada, a Rimini. Dai primi risultati emerge un fenomeno in piena trasformazione. Sono tutte giovanissime ma maggiorenni- dai 18 ai 20 anni - bulgare, rumene, polacche - fanno, della professione più antica del mondo, una scelta. Magari dettata da bisogni che hanno necessità di risposta in tempi stretti: figli a carico, genitori malati. Non hanno protettori, sono istruite, guadagnano fino a 2 mila euro a settimana e si dividono le spese cedendosi l'alloggio nel caso il cliente richieda prestazioni dall'ora in su: quelle da 250 euro, come prevede il loro rigido tariffario. Sembrano davvero ben organizzate queste giovanissime imprenditrici del sesso, decise a rimanere in riviera il tempo di mettere da parte un po' di soldi. “Nessun altro lavoro permette un guadagno così buono in poco tempo” hanno dichiarato le 'lucciole' alle forze dell'ordine nell'ultimo maxi blitz, nella notte tra martedì e mercoledì. Nel corso della retata, come vi avevamo già informato nel nostro tg, 28 di loro sono state multate -400 euro a testa- sulla scorta dell'ordinanza anti prostituzione del Comune, che mira a ripulire le strade delle vacanze. Durerà il tempo dell'estate ed è in vigore dal 1 luglio. Loro la conoscono bene, l'hanno già studiata con un legale, hanno pagato senza battere ciglio. La strada del guadagno facile e veloce le ha portate a Rimini, anche su consiglio di amiche che l'avevano fatto in precedenza. Debellare questa nuova forma di prostituzione- per istituzioni e forze di polizia- è ancora più difficile.

Sara Bucci