Logo San Marino RTV

La replica di Moretti a Civico 10

2 ago 2013
La replica di Moretti a Civico 10
La replica di Moretti a Civico 10
A Movimento Civico 10 rispondo, innanzitutto, che il sottoscritto non incamera cospicui contributi per gli eventi proposti e fra l’altro non è l’unico a ricevere finanziamenti statali.
In merito alla questione artisti di fama nazionale e internazionale, ricordo ai simpaticoni di Civico 10 che il sottoscritto ha alle sue spalle 25 anni di attività live con la Bluesmobile e quasi 800 concerti dal vivo, il che significa che in tanti anni ho conosciuto molte persone dello show biz, contatti che ho mantenuto e che oggi, in qualità di promoter, sto cercando di mettere a frutto per organizzare eventi a San Marino. Il sottoscritto, in qualità di direttore artistico e vice-presidente della Fun4all - non Presidente (manco sapete leggere!) - si è sempre sbattuto in questi anni, per la sua passione per la musica, cercando di realizzare eventi musicali, con l’associazione Fun4all, di vario genere, fino all’evento San Marino Live in the City, proposto dall’anno 2012 alle Segreterie di Stato. Con questa iniziativa l’intenzione era quella di creare un evento in centro storico, con nomi di richiamo internazionale, per portare gente in Repubblica e dare anche il nostro piccolo contributo all’economia locale, facendo lavorare le attività del centro storico e non solo. Gli spettacoli degli artisti nazionali e internazionali di richiamo (e questo Civico 10 lo sa, ma non lo dice) hanno dei costi elevati, sia di cachet, sia di produzione e in questo caso ci sta chiedere dei contributi anche allo Stato. Parte delle spese si coprono con contributi statali, parte con contributi di sponsor privati e parte con gli incassi. Nulla di scandaloso. L’evento lo organizziamo in toto e rischiamo NOI! Possiamo guadagnarci ma possiamo anche rimetterci. E a questo proposito, l’evento del 2012, con Tony Hadley, che non si è potuto svolgere, per noi si è chiuso in rimessa. Perdita che ci siamo accollati, giustamente, come Associazione Fun4all. Movimento Civico 10 lo sa (ma non lo dice) che gli €15.000,00 di contributi statali non andavano restituiti, perché l’evento non si è svolto per le condizioni meteorologiche avverse, non dipendenti dalla nostra volontà. I contributi non ce li siamo intascati come Associazione, ma li abbiamo comunque spesi per la promozione, allestimenti e tutte le altre spese di produzione che andavano pagate, anche se l’evento non è stato realizzato.
Anche il Direttore dell’Ufficio di Stato per il Turismo, Gloria Licini, ha sempre riconosciuto a Fun4all l’ottimo lavoro di promozione e organizzazione svolto. Dicevo che C10 questo già lo sapeva perché i fenomeni di RETE avevano già presentato un’interpellanza, sempre in merito alla stessa questione,qualche tempo fa.
In merito a Paolo Conte, rimango sbalordito dall’ignoranza di certe persone, che non hanno assolutamente idea di quello che stanno dicendo. Ancor di più dopo lo straordinario successo dell’evento per noi di Fun4all, ma per tutta la Repubblica di San Marino, che ha potuto ospitare uno degli artisti italiani più conosciuti all’estero. Faccio notare che gli € 37.000,00 corrispondono a meno del 25% del costo dello spettacolo, che si aggira attorno a € 150.000,00. Perché i ricavi netti li dovremmo dare allo Stato? Ma chi è che rischia in questo caso, lo Stato o Fun4all? Abbiamo lavorato a questo progetto per 8 mesi e l’evento è andato benissimo, ma il rischio ce lo siamo assunti SOLO NOI cari C10!
Voglio ricordare anche a C10 che Fun4all, nata nel 2010, quindi appena 3 anni fa, è l’UNICA, attenzione L’UNICA, associazione che organizza eventi di qualità (riconosciuta da molti), e che in nemmeno 3 anni ha organizzato ben 11 eventi, di cui solo San Marino Live in the City con finanziamenti statali. E’ quindi anche giustificabile il contributo delle Segreterie. Non esiste nessuna altra organizzazione in Repubblica così attiva nel settore dell’organizzazione di eventi musicali e d’intrattenimento.
In merito alla società S.M.B., non corrisponde assolutamente al vero che fa capo a me, bensì a mia moglie.
C10 afferma: “nel nostro territorio sussistono altre organizzazioni, associazioni e cooperative che annualmente sviluppano idee e proposte innovative per le quali, però, tale supporto economico non viene dato?”
Innanzitutto è assolutamente falso che altri progetti non vengono finanziati con soldi pubblici, basta andare a vedere le tante delibere del Congresso di Stato. Inoltre mi piacerebbe vedere tutte queste idee e proposte innovative e capire chi e quanta gente è disposta a farsi in quattro per organizzare eventi a regola d’arte! BISOGNA AVERE LA VOGLIA E LE CAPACITA’ DI ORGANIZZARE EVENTI, CARI C10! Noi stiamo svolgendo un ruolo che non esiste in Repubblica e che nessun altro fa, ovvero quello di organizzare eventi di livello, in molti casi finanziati con sponsor privati e biglietti d’ingresso e, in pochi casi, con l’aiuto dello Stato, dove non sempre introiti derivanti da sponsor privati e biglietti d’ingresso riescono a coprire le spese.
Andate pure avanti con la vostra proposta di legge, ma non risolverete nulla con il bando di concorso. In merito ai risultati, Fun4all ha sempre dimostrato CON I FATTI di sapere organizzare gli eventi (molti rappresentanti di C10 lo sanno, visto che sono stati spesso e volentieri ai nostri eventi, ma non lo dicono!).
Cari C10, i soldi li ha ricevuti l’Associazione di cui faccio parte, … e anche alla luce del sole… con una delibera pubblica. Cosa c’entra il fatto che lavori nella Segreteria di Stato per l’Industria? Questo vuol dire che se l’idea del progetto CONTE fosse stato proposto da C10 o qualcun altro (che non facesse parte della maggioranza) era tutto ok? Bel modo di ragionare, ma non mi stupisce più niente di questa banda di SparoControTuttoeTutti.
Roberto “Moghe” Moretti