Logo San Marino RTV

La Romagna in emergenza precipitazioni. Un morto a Cervia

2 mar 2011
Colpo di coda dell’inverno in Regione. 36 ore di perturbazioni battenti in Riviera e in provincia di Rimini a partire dalla costa. Allagamenti e inondazioni causati dalle piene dei canali ingrossati dai fossi dalle campagne collinari. Colate di fango sulle statali verso le province vicine. Il porto-canale di Cesenatico inondato oltre il livello di guardia ha provocato lo sfollamento di 70 famiglie: scantinati e case basse allagate intorno all’invaso portuale. Secondo la Protezione Civile locale superato il record in mm di pioggia: 1300 metri cubi d’acqua per ettaro in circa 2 giorni come punta massima. Vento forte sul litorale fino a 40 nodi; navigazione difficile danni nel riccionese: autobotti e idrovore hanno prosciugato sottopassi e strade intasate. Neve su tutto l’entroterra. La coltre bianca va da pochi centimetri del corianese a circa 40 dell’Alta Valmarecchia. Continua l’allerta meteo. Pioggia mista a neve verso la dorsale nord adriatica fino a Ravenna dove ha nevicato copiosamente anche in città. Una persona è morta a Savio, nel Cervese, nell’auto bloccata in un sottopasso allagato. Un’altra persona, anch’essa all’interno dell’auto, è stata salvata e trasportata in ospedale. Nel cesenate alberi divelti e rami rotti sotto gli oltre 50 cm di neve. A Forlì e provincia scuole chiuse. Faenza nella morsa del gelo notturno. Viabilità difficile intorno al bolognese con incolonnamenti e blocchi delle statali verso i valichi: chiusa la E45 direzione Romagna-Toscana. Autostrade percorribili a rilento ben oltre il nodo delle arterie emiliane.

f.z.