Logo San Marino RTV

San Marino ricorda Garibaldi

31 lug 2009
San Marino ricorda Garibaldi
Rifugiato, profugo per una notte, scampato alla prigionia dopo la caduta della Repubblica Romana il Generale Garibaldi, Anita e l’intera legione al seguito con i luogotenenti in avanscoperta, approdano sul Titano e chiedono ospitalità: il sacrosanto diritto d’asilo, che la Terra degli uomini liberi da sempre, mai negherà ad alcuno accogliendo e ospitando fino alla Seconda Guerra Mondiale. Il Corteo Reggenziale presente il Segretario agli Esteri accompagnati dai Corpi Uniformati dello Stato hanno commemorato il fatto storico divenuto emblema di libertà: in silenzio davanti alla bandiera, sotto la statua del grande condottiero padre del Risorgimento hanno ascoltato gli inni nazionali eseguiti dalla Banda di San Marino. C’erano i reduci e i combattenti sotto gli stendardi dei corpi volontari di liberazione e indipendenza. La notte dello Scampo, era il 31 luglio 1849, Garibaldi incontra la Reggenza che gli assegna uno scuot esperto per accompagnalo verso l’Adriatico con Anita e 162 legionari: quell’uomo si chiamava Nicola Zani e parlava soltanto il dialetto ma conosceva l’animo umano al pari del Generale.

Francesco Zingrillo