Logo San Marino RTV

La sanità chiude in attivo. E' la prima volta nella storia dell'ISS

24 giu 2009
iss
iss
La sanità sammarinese chiude con un attivo il bilancio 2008 e conferma analoga tendenza per il 2009. Un risultato che i vertici dell’ISS definiscono storico, raggiunto nonostante un aumento di produttività, un innalzamento qualitativo dei servizi, e investimenti ingenti. Non nascondono la soddisfazione e ricordano che già lo scorso anno di erano manifestati i primi segnali di una inversione di tendenza, con il mancato ricorso al consueto assestamento di bilancio. Ma c’è di più: sale anche il clima di fiducia degli utenti verso la struttura ospedaliera, scendono notevolmente i ricorsi all’esterno per effetto della percezione di un livello di cura adeguato. I conti complessivi dell’Istituto ammontano a circa 300 milioni di euro, e rappresentano un terzo del bilancio generale dello Stato. Una fetta consistente destinata all’assistenza sanitaria, quella socio sanitaria, insieme alla spesa previdenziale. E’ qui che si concentrano le uscite: nelle prestazioni per malattia, cassa integrazione e inabilità, che assorbono quasi 60 milioni di euro, e quella per le pensioni, che richiedono oltre 162 milioni di euro, il 54% del totale delle risorse disponibili. Li assistiti sono oltre 32 mila e la pesa pro capite non è aumentata anche se a salire è stata la produzione e la qualità dei servizi. Per curare ogni cittadino si spendono circa 2 mila euro, al di sotto degli standard internazionali, 2.450 se si somma l’assistenza socio-sanitaria. A far quadrare il bilancio è soprattutto il minor ricorso dei pazienti a strutture esterne, e questo conferma la fiducia riposta nei vari reparti e nelle professionalità dei medici che vi operano. Sono quasi il 30 per cento in meno coloro che varcano il confine per curarsi e il risparmio complessivo è di oltre 1 milione e mezzo di euro. Scendono le spese generali amministrative, del 17 per cento, salgono gli investimenti per la formazione, l’adeguamento tecnologico e strutturale. Insomma quella che cresce è la sanità in generale, quello che scende sono gli sprechi e le spese eccedenti.