Logo San Marino RTV

Santo Pellegrinaggio d’Avvento nella Cuba di Castro

19 dic 2010
Santo Pellegrinaggio d’Avvento nella Cuba di CastroSanto Pellegrinaggio d'Avvento nella Cuba di Castro
Santo Pellegrinaggio d'Avvento nella Cuba di Castro
Santo taumaturgo protettore della povera gente che chiede salute e benessere in suo nome fa voti d’amore. Storica processione mai vista a Cuba dalla rivoluzione. A piedi e in ginocchio giaculando e facendo penitenza fino a El Rincon estremo sud dell’Havana; il paesino dei miracoli dall’embargo alla grande crisi, luogo “gettonatissimo” non soltanto dai credenti, ma per tradizione e sincretismo, da tanti Cubani non sempre Cristiani e tanto meno Cattolici. El viejo, - il vecchio uomo – Babalu Aye nel dialetto locale, l’occhio della divinità detta Orisha per la credenza popolare della Santeria. Una miscellanea di fedi e tradizioni che mescolano il Cristianesimo americano con la religione degli schiavi d’Africa ancora seguitissimi e considerati una medicina popolare al limite della blasfemia. I fedeli pregano mentre i Santeros vestono il bianco e fumano sigari. Fare promesse ogni anno e accendere ceri al Candelabro di Lazaro come preparazione al Natale è il comportamento di una vita per molti anziani. La via principale di El Rincon è un palcoscenico dove si canta e balla mangiando prelibatezze a base di maiale – che non è certo l’animale sacro per eccellenza, a parte la tradizione delle campagne legata a Sant’Antonio Abate del contado- un segno dei tempi ancora una volta millenari in poco più di mezzo secolo dalla rivoluzione castrista.

Francesco Zingrillo