Logo San Marino RTV

Scuola e centri estivi: ecco le nuove regole, per l'Infanzia 350 domande su 450 posti

Da lunedì riaprono le scuole dell'infanzia ma sono arrivate meno domande rispetto ai posti disponibili. Nuove linee guida anche per i centri estivi

5 giu 2020
Scuola e centri estivi: ecco le nuove regole, per l'Infanzia 350 domande su 450 posti
Scuola e centri estivi: ecco le nuove regole, per l'Infanzia 350 domande su 450 posti

350 richieste di tornare a frequentare la scuola dell'infanzia sui 450 posti disponibili per la riapertura. Queste le domande presentate dalle famiglie, più di un terzo del totale dei bambini iscritti.

Probabilmente, spiegano gli addetti ai lavori, il minor numero di domande dipende dagli orari proposti, solo al mattino, a causa del numero limitato degli insegnanti a disposizione nel sistema, viste le nuove linee di sicurezza che prevedono gruppi più piccoli e quindi più numerosi. Sono stati, infatti, utilizzati tutti gli insegnanti. Infanzia aperta fino al 25 giugno.

Nel frattempo, escono le linee guida per i centri estivi che partiranno il 22 del mese per i bambini delle elementari e il 29 per gli alunni dell'infanzia con iscrizioni dall'8 al 12. Chiuderanno il 29 agosto. Bambini e ragazzi saranno divisi in piccoli gruppi per fasce d'età, privilegiando le attività all'aperto. Nei centri pubblici 40 è il numero massimo di presenze per struttura. I ragazzi non dovranno indossare la mascherina e ingressi e uscite saranno scaglionati evitando assembramenti. I bambini con disabilità avranno un educatore che si aggiungerà al gruppo. Anche per la scuola dell'infanzia ci sarà la divisione per piccoli gruppi ma, vista la tenera età, non sarà possibile mantenere un distanziamento tra gli alunni.

Intanto, si pensa al prossimo anno. Nessun dettaglio da chi, a livello istituzionale, sta lavorando per organizzarlo. Ma questa è l'occasione, viene spiegato, “per ripensare la scuola”, anche sul fronte di infrastrutture, aule e tecnologia. Si guarda meno alla didattica a distanza e più a modelli scolastici nuovi per il territorio