Logo San Marino RTV

Siria: situazione incandescente, Ue e Macron parlano di prove su uso di armi chimiche

12 apr 2018
Siria: situazione incandescenteSiria: situazione incandescente, Ue e Macron parlano di prove su uso di armi chimiche
Siria: situazione incandescente, Ue e Macron parlano di prove su uso di armi chimiche - Per Assad si tratta di "minacce occidentali" in un piano per screditare la lotta al terrorismo del g...
Situazione incandescente tra potenze contrapposte. Al centro il presunto uso di armi chimiche da parte del presidente siriano Bashar al Assad nell'attacco di Duma. Dopo giorni di tensione, una parte dell'Occidente ora accusa direttamente Assad parlando di “prove” dell'utilizzo di queste sostanze.

A sostenerlo è la portavoce della Commissione europea che cita, come fonti, i rapporti sul caso. Ma a collegare esplicitamente Assad all'attacco è il presidente francese Emmanuel Macron. La cancelliera Angela Merkel esprime preoccupazione per la gravità della situazione, ma allo stesso tempo esclude una partecipazione tedesca ad un eventuale intervento in Siria. Idem per il presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni.

Perché i movimenti strategici di mezzi bellici e le dichiarazioni, con Stati Uniti, Gran Bretagna e Nato da una parte e Russia, Siria e Iran dall'altra, riflettono l'attuale tensione internazionale. Il presidente statunitense Donald Trump, annuncia che decisioni in merito a un intervento saranno prese a breve.

I membri della Nato hanno partecipato a consultazioni su come rispondere. Assad è intervenuto parlando di “minacce occidentali” che rientrano in un piano di screditamento della “lotta al terrorismo” esercitata dal governo Siriano e dai suoi alleati.

mt