Logo San Marino RTV

Società Italiana di Farmacologia contro "campagne denigratorie", nel documento anche San Marino

11 mar 2017
Vaccini: Società Italiana di Farmacologia contro le "campagne denigratorie", nel documento anche San MarinoVaccini: Società Italiana di Farmacologia contro le "campagne denigratorie", nel documento anche San Marino
Vaccini: Società Italiana di Farmacologia contro le "campagne denigratorie", nel documento anche San Marino - La presa di posizione in un documento della Sif e di altre società scientifiche.
La Società Italiana di Farmacologia risponde a quelle che definisce “campagne denigratorie sul web” in merito alle vaccinazioni. E lo fa con un documento di 54 pagine in cui spiega l'importanza di accedere alle somministrazioni. Negli Stati Uniti, grazie alle cure preventive, si è arrivati ad abbattere malattie come polio e difterite e quasi ad azzerare tetano e pertosse.

I vaccini, sempre secondo la Sif, fanno risparmiare denaro: il sistema sanitario spenderà meno, perché ci saranno meno visite specialistiche, ospedalizzazioni e giorni di lavoro persi. Con l'attuale copertura, in Italia si risparmiano 248 milioni di euro che diventerebbero 438 milioni in caso di copertura al 75%, come consigliato dall'Oms. Nella scelta di vaccinarsi o meno entrano in gioco le preoccupazioni per possibili effetti collaterali. “I vaccini sono farmaci che rispettano le norme di produzione nazionali ed internazionali”, è la rassicurazione che si legge nel testo. Gli effetti indesiderati più gravi si manifestano solo molto raramente: un caso ogni centinaia di migliaia o milioni di dosi.

In merito a questo argomento, la Sif cita un documento approvato dal Comitato Sammarinese di Bioetica nel quale si spiega che l'esitazione sul Titano è simile a quella italiana. Per il Comitato è importante comunicare in modo etico.

Un aiuto per la prevenzione delle malattie infettive si può ricevere consultando il calendario vaccinale per tutte le età di vita.

Mauro Torresi

Nel servizio, l'intervista telefonica a Giorgio Cantelli Forti, presidente della Società Italiana di Farmacologia