Logo San Marino RTV

Spiagge: Corte Ue boccia rinnovo concessioni senza gara

14 lug 2016
Spiagge: Corte Ue boccia rinnovo concessioni senza gara
La Corte europea ha bocciato la proroga automatica decisa dall'Italia per le concessioni demaniali marittime fino al 31 dicembre 2020. La Corte rileva che in punto di diritto spetta ai giudici italiani verificare se le concessioni debbano essere oggetto di un numero limitato di autorizzazione per via della scarsità delle risorse naturali, che è la fattispecie in cui si applica l'articolo 12 della direttiva servizi. In questo caso la Corte ha precisato che il rilascio delle autorizzazioni per lo sfruttamento economico delle spiagge "deve essere oggetto a una procedura di selezione tra i potenziali candidati, che deve presentare tutte le garanzie di imparzialità e trasparenza, in particolare un'adeguata pubblicità". La Corte inoltre afferma che, nel caso in cui giudici italiani dovessero ritenere la direttiva europea non applicabile in certi casi specifici ma ci fosse un interesse transfrontaliero (ad esempio per località di particolare pregio turistico o nelle zone più vicine al confini terrestri della penisola), la proroga automatica "costituisce una disparità di trattamento a danno delle imprese con sede negli altri stati membri e potenzialmente interessate". Quindi anche in questo caso andranno organizzate gare per la concessione, aperte alla concorrenza europea.