Logo San Marino RTV

Telefonate truffa: da 'Striscia' nuovo 'attacco' al Titano

20 gen 2006
Telefonate truffa: da 'Striscia' nuovo 'attacco' al Titano
San Marino di nuovo sotto i riflettori di 'Striscia la Notizia', dopo il caso delle lauree fasulle, che ha sollevato reazioni durissime, in primis quella del Rettore della nostra Università Giorgio Petroni, che ha inviato una lettera alla redazione di “Striscia la Notizia” per chiedere di sottolineare l’estraneità dell’Università del Titano a questo tipo di commercio. Il caso, questa volta, è legato a fantomatici premi telefonici. 35mila, secondo Striscia, le persone coinvolte. Questo il metodo messo in campo: un messaggio registrato preannuncia la vincita di premi di lusso e invita a contattare un numero, con prefisso 899, per aggiudicarsi il premio. Si tengono così in linea i finti vincitori per diverso tempo al costo di 2 euro e 80 centesimi al minuto. Poi, quando arriva il momento di comunicare la vincita, la linea telefonica cade. L’indagine, condotta dall’inviato di 'Striscia', parte da Milano dove ha sede la società responsabile, passa da San Marino, dove si trova la PB Comunication, società che si occupa di intermediazione telefonica e si conclude a Londra, sede reale di questa fantomatica società dei regali. Ma in questa corsa ai numeri telefonici è solo la società sammarinese a prendere la parola. La ditta di Milano comunica attraverso un fax passato sotto una saracinesca, quella inglese caccia in malo modo l’inviato di 'Striscia', mentre Boris Pelliccioni, della PB Comunication anticipa di avere già presentato un esposto alla Polizia Sammarinese perché, dice “Siamo noi quelli che sono stati truffati”. L’aspetto peggiore di questo bombardamento mediatico è che ancora una volta il nome di San Marino viene collegato a una operazione truffaldina. Una pubblicità di cui il Titano farebbe volentieri a meno.