Logo San Marino RTV

Titano a secco, nuovo vertice sulla crisi idrica

7 ago 2017
Vertice sulla crisi idricaTitano a secco, nuovo vertice sulla crisi idrica
Titano a secco, nuovo vertice sulla crisi idrica - Aria più fresca in Repubblica, ma la situazione idrica si sta aggravando. Si è svolto oggi un nuovo...
Eravamo tutti pronti ad aprire gli ombrelli. Le previsioni assicuravano che il maltempo proveniente dal Nord sarebbe dovuto progressivamente scendere fino all'Emilia-Romagna con possibilità di assistere a piogge consistenti, ma tutto si è ridotto solo a un deciso calo delle temperature.
Situazione di assoluta emergenza idrica nella Forra di Gorgascura. A lanciare il grido d'allarme è il direttore del Centro Naturalistico Sammarinese Andrea Suzzi Valli, che chiede di interrompere momentaneamente la captazione dell'acqua per salvare la fauna ittica della Riserva Integrale Protetta.
Si è riunito intanto questo pomeriggio un vertice sulla crisi idrica per fare il punto sui consumi e promuovere l'appello ai corpi di polizia, coadiuvati e supportati dalle Guardie ecologiche. per intensificare i controlli per il rispetto dell'ordinanza dell'AASS dello scorso giugno.
Non si parla ancora di razionamento, ma c'è forte attenzione in tutta la Repubblica. Ancora non sono previste precipitazioni. Ma se dovesse perdurare questo stato di siccità anche nel mese di settembre, a inizio autunno ci potrebbero essere criticità molto elevate.
“Cerchiamo di analizzare bene la situazione prima di arrivare ad azioni più incisive perchè vorremmo scongiurare ricadute negative sugli utenti” ha detto il Segretario di Stato Marco Podeschi, che continua ad appellarsi ai sammarinesi di ridurre laddove possibile il consumo di acqua.
Non solo cittadini, ma accortezze che dovrebbero arrivare anche da impianti produttivi.
E qualcosa si sta muovendo. La Cartiera Ciacci fa sapere tramite una nota, che ha ulteriormente ridotto da qualche giorno la quantità d'acqua utilizzata per la produzione, impostando il livello al minimo. Condizione che non garantisce l'ordinario ciclo produttivo e che ha portato la società a dotarsi e sostenere il costo di autobotti con rifornimenti esterni per integrare il consumo interno.
“Il problema della siccità estiva – sottolinea il segretario Podeschi - è che non si possono improvvisare soluzioni durante lo stato di emergenza. Servono pianificazioni, progettazioni e investimenti”.
Il comitato si riunirà nuovamente giovedì 17 agosto per sorvegliare l'evoluzione dei consumi e avere un prospetto meteorologico aggiornato.
Intanto sul fronte meteo, se il lieve calo di oggi ci ha illuso, la colonnina di mercurio già da mercoledì tornerà a segnare 35 gradi.
Ma il caldo eccezionale che da giorni sta infuocando lo stivale e San Marino, dopo la sesta ondata di calore del 10 agosto, dovrebbe finalmente darci tregua con un ritorno alle medie stagionali.

Silvia Sacchi