Logo San Marino RTV

Toyota: dimezzate vendite in Cina per crisi isole

5 ott 2012
Toyota: dimezzate vendite in Cina per crisi isole
Le vendite di Toyota in Cina si sono dimezzate a settembre rispetto ad agosto, a 75.000 veicoli, sotto il peso del sentimento anti-nipponico legato alo scontro territoriale in corso tra Tokyo e Pechino sulla sovranità delle Senkaku/Diaoyu, le isole disabitate nel mar Cinese orientale. Il produttore di auto nipponico, ritornato leader mondiale nella prima metà del 2012, sta registrando una brusca frenata delle attività, scrive oggi il quotidiano Yomiuri, citando una fonte anonima del colosso di Nagoya. Le concessionarie Toyota, insieme a quelle dei principali costruttori del Sol Levante, sono state tra i bersagli preferiti delle manifestazioni delle scorse settimane in Cina, sfociate in proteste violente e devastazioni, dopo che Tokyo ha deciso di nazionalizzare tre delle 5 principali isole del piccolo arcipelago disabitato, rivendicato da Pechino e Taipei. Toyota, Nissan e Honda hanno annunciato la riduzione della produzione negli impianti in Cina, di fronte a un mercato che mostra segnali di rallentamento, pur se ancora promettente. Gli ultimi sviluppi rendono pressoché irraggiungibile l'obiettivo di Toyota di centrare nel 2012 vendite in Cina pari a un milione di vetture.