Logo San Marino RTV

Ucraina: Russia disponibile a un dialogo "onesto, da pari a pari"

8 mar 2014
Ucraina: Russia disponibile a un dialogo "onesto, da pari a pari"
Ucraina: Russia disponibile a un dialogo "onesto, da pari a pari"
Il giorno dopo l’inaugurazione (con boicottaggio) delle Paralimpiaidi di Sochi, la Russia alza il tiro e attraverso un alto funzionario della Difesa fa sapere che sta pensando di sospendere le ispezioni del suo arsenale strategico, compresi i missili nucleari, in risposta alle «minacce» di Usa e Nato sulla crisi. Le ispezioni sono previste dal trattato Start e dal Documento di Vienna tra i paesi dell’Osce. In mattinata il ministro degli Esteri Lavrov aveva lasciato spazio alla distensione annunciando che la Russia è disponibile a un dialogo «onesto, da pari a pari» con altri paesi sull’Ucraina. Intanto sono stati nuovamente respinti gli osservatori internazionali dell’Osce che da due giorni tentano di entrare in Crimea per verificare la situazione. A un check-point di frontiera, controllato da milizie filo-russe, sono stati sparati tre colpi di avvertimento. Oggi diverse migliaia di filorussi hanno manifestato a Donetsk e Kharkiv, nella russofona Ucraina orientale, chiedendo l'annessione a Mosca. Nei giorni scorsi i manifestanti pro-Mosca hanno occupato per almeno due volte il palazzo della Regione di Kiev, ma sono stati fatti sgomberare dalla polizia, che ha arrestato più di 70 insorti e il leader dei filorussi, l'autoproclamato 'governatore' di Donetsk, Pavel Gubarev. Intanto il leader del gruppo paramilitare ucraino di estrema destra 'Pravij Sektor', Dmitro Iarosh, ha confermato la sua intenzione di candidarsi alle presidenziali del 25 maggio. Nel pomeriggio, conversazione telefonica tra Matteo Renzi e Barack Obama. Dieci minuti di colloquio proprio sulle tensioni internazionali legate all'Ucraina.

SP