Logo San Marino RTV

Università: ancora aperte le discussioni sulla figura del Rettore

13 mag 2014
Università: ancora aperte le discussioni sulla figura del RettoreUniversità: ancora aperte le discussioni sulla figura del Rettore
Università: ancora aperte le discussioni sulla figura del Rettore - Dopo la recente legge di riforma dell'Università, passato con l'appoggio praticamente unanime del Co...
Si riunirà per la prima volta sabato mattina, il Senato Accademico dell'Università di San Marino, la nuova Università dopo la legge di riforma che ne ha ridisegnato l'assetto e le competenze. Si punta ad un ateneo capace di coniugare economia e conoscenza, come lo stesso Segretario Morganti ha ribadito più volte. Divise le competenze fra Senato Accademico e Consiglio Universitario, il primo responsabile dell'indirizzo scientifico e accademico; il secondo della parte amministrativa; entrambi con piena autonomia. Sabato il nuovo Senato vedrà la luce, dopo che i consigli di dipartimento avranno nominato i propri rappresentanti, nella misura di tre ciascuno. Poi, lo stesso Senato, dovrà pronunciarsi sulla nomina più attesa, quella del nuovo Rettore, incarico attualmente ricoperto, pro-tempore, dal professor Luciano Canfora, uno dei più noti e autorevoli storici italiani. E proprio il professor Canfora, insieme ad altri illustri colleghi, sarebbe il primo candidato alla guida dell'Università sammarinese. Ma quella di Canfora non sarebbe l'unica figura papabile, secondo alcune indiscrezioni ci sarebbero almeno altre due personalità accademiche attorno alle quali si starebbe ragionando: Corrado Petrocelli, fino allo scorso anno Magnifico Rettore dell'Università Aldo Moro di Bari, e Stefano Zamagni, già Preside della Facoltà di Economia dell'Università di Bologna e docente alla Bocconi di Milano, pochi mesi fa nominato da Papa Francesco membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze. Zamagni, considerato uno degli economisti più brillanti, conosce molto bene la realtà sammarinese ed è a sua volta noto in Repubblica. Petrocelli, dal canto suo, viene considerato come il Rettore che ha avuto la capacità di trasformare l'Università di Bari facendo leva sulle star up e le spin-off universitarie. Insomma tre possibili candidati di tutto rispetto, autorevoli e rispettati esponenti del mondo accademico non solo italiano. La scelta sarà dunque ardua, anche se, lo ripetiamo, siamo nel campo delle ipotesi, dal momento che non si conoscono ancora le eventuali disponibilità dei tre ad assumersi questo incarico. Di fatto, però, il Senato Accademico un'indicazione, al Consiglio Grande e Generale dovrà darla, fornendogli una rosa di candidati dalla quale il parlamento sammarinese dovrà scegliere mettendolo ai voti. Stando alle indiscrezioni ci sarebbe almeno un quarto possibile candidato, al quale si stanno mandando segnali per valutarne la disponibilità, così come ragionamenti sono stati aperti con le università di Parma, di Roma, di Padova, di Pisa ed anche con un ateneo tedesco, di cui nessuno rivela il nome. Insomma una scelta importate dalla quale deriverà l'impostazione futura della nuova università, disegnata dalla riforma, e, di conseguenza, il suo successo o meno come strumento di formazione e di trasferimento del sapere, oltre che come auspicabile volano per l'innovazione e lo sviluppo economico della Repubblica.

Sergio Barducci