Logo San Marino RTV

17 aprile 2016: Costituito a Rimini il Comitato locale “Vota SI per fermare le trivelle”

5 mar 2016
17 aprile 2016: Costituito a Rimini il Comitato locale “Vota SI per fermare le trivelle”
S i è costituito Giovedì 3 marzo a Rimini il comitato locale “vota SI per fermare le trivelle” che riunisce numero se associazioni e comitati del territorio attorno ad un obbiettivo comune: portare almeno 27 milioni di italiani a votare SI al referendum il 17 aprile per fermare le trivelle nei nostri mari . Il comitato caldeggia inoltre il supporto esterno da parte di p artiti e liste politiche alla causa di cui è promotore. La norma che si vuol abrogare attraverso il referendum permette alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas entro le 12 miglia dalla costa di non avere più scadenze. La Legge di Stabilità 2016, infatti, pur vietando il rilascio di nuove autorizzazioni entro le 12 miglia dalla costa, rende “sine die” le licenze già rilasciate in quel perimetro di mare. Si tratta di voto che h a però un significato più ampio, quello di dire no al le politiche di liberalizzazione e deregolamentazione del settore delle estrazioni che sono state portate avanti da vari governi nazionali negli ultimi 6 anni. P rosegue e si allarga quindi la mobilitazione , iniziata sul territorio di Rimini la scorsa est ate , coinvolgendo i numerosi soggetti che riconoscono il valore strategico della risorsa più preziosa per la riviera romagnola : il suo mare. Il patrimonio naturalistico delle nostre destinazioni balneari è infatti la prima motivazione di visita per i turis ti stranieri (muove il 30% dei turisti) ed è il secondo motivo di scelta (24,9%) dei turisti italiani (fonte: Unioncamere 2013) . Un comparto, quello del turismo, a cui la riviera contribuisce con l’80% delle presenze regionali per un impiego di 8,000 perso ne e un volume di affari diretto di 8 miliardi di euro all’anno. Numeri che fanno impallidire gli introiti ricevuti a livello region ale per effetto delle royalties estrattive , pari ad appena 7.5 milioni di euro nel 2014 . Le trivellazioni nell’alto Adriati co inoltre, dove si estrae la maggior quota del gas nazionale, aggravano notevolmente la subsidenza delle nostre coste e la loro conseguente erosione, comportando costose operazioni di manutenzione quali i ripascimenti e mettendo a rischio proprio quella r isorsa su cui ruota l’economia locale. Il tutto per sfruttare riserve estremamente limitate, che ai ritmi di produzione attuali (nel 2013 fornivano appena il 4% del fabbisogno energetico nazionale) basterebbero per una decina di anni appena. Oltretutto, ma ntenere attive fino ad esaurimento le concessioni in vigore significa di fatto non attuare gli impegni presi lo scorso dicembre a Parigi per arrestare i cambiamenti climatici in atto, sottoponendo a rischi sempre maggiori il nostro territorio e questo nonostante l’ alternanz a sempre più frequent e di periodi s iccitosi e devastanti alluvioni. A l contrario, puntare su efficienza energetica e rinnovabili
consentirebbe di generare un notevole indotto e migliaia di posti di lavoro nel manifatturiero, riqualifi cando al contempo l’attrattività territoriale per gli anni a venire . I soggetti riunitisi nel comitato si impegneranno quindi, da qui al 17 aprile, in attività di informazione nei confronti dei cittadini , in rete con le altre realtà impegnate a livello reg ionale e nazionale , per illustrare dati alla mano e senza ideologie che la strategia imboccata dagli ultimi governi non ha futuro. Votare SI al referendum significa invece scegliere un’alternativa sostenibile economicamente, socialmente ed ambientalmente p er noi e per il nostro mare . Il primo appuntamento è fissato per Martedì 8 marzo, alle ore 20.30 presso la sala del Podestà in p.za Cavour a Rimini, dove si terrà un incontro pubblico con il costituzionalista Enzo Di Sal vatore del coordina mento nazionale NoTriv. Il professor Di Salvatore, autore del quesito referendario su cui si voterà il 17 aprile , illustrerà in maniera semplice e comprensibile a tutti le motivazioni che ne stanno alla base e le conseguenze del voto . Comitato locale di Rimini “Vota SI pe r fermare le trivelle”