Logo San Marino RTV

Bilancio, adesso.sm: "L'esercizio provvisorio metterebbe in seria difficoltà l’amministrazione pubblica e i servizi da essa erogati"

15 dic 2016
Bilancio, adesso.sm: "L'esercizio provvisorio metterebbe in seria difficoltà l’amministrazione pubblica e i servizi da essa erogati"
La coalizione Adesso.sm ha incontrato ieri alle ore 17.30, presso la sede di Repubblica Futura le coalizioni San Marino Prima di Tutto e Democrazia in Movimento.

L’incontro, a cui ha presenziato l’attuale Segretario di Stato per le Finanze e Bilancio, è il terzo dedicato al bilancio di previsione 2017, per valutare la sussistenza delle condizioni politiche per adottare la procedura d’urgenza sul progetto di legge depositato dal Congresso di Stato.

Obiettivo di Civico10, Repubblica Futura e Sinistra Socialista Democratica è evitare il ricorso all’esercizio provvisorio, circoscrivendo il perimetro di azione della legge di bilancio a interventi di mera natura tecnica così da accogliere l’auspico espresso dagli Ecc.mi Capitani Reggenti affinché in questa fase di transizione si possano privilegiare aspetti di interesse generale alle legittime posizioni delle singole forze politiche.

La coalizione rileva che, in alcune parti, il progetto di legge presentato dall’attuale governo ha elementi che potrebbero essere oggetto di revisione. Tuttavia, in considerazione dell’esigenza di ordine superiore di approvare la legge di bilancio possibilmente entro le festività natalizie, come generalmente accade, ritiene di non dovere attuare alcuna modifica su gran parte degli articoli presenti nel progetto di legge.

In questo senso la coalizione, oltre a limitare il numero degli emendamenti allo stretto indispensabile, si atterrà, durante il dibattito, a un atteggiamento politico istituzionale orientato a non protrarre la durata dei lavori consiliari. Elemento, questo, che ha anche un diretto risvolto di natura economica.

Adesso.sm ha apprezzato l’atteggiamento tenuto dall’attuale Segretario di Stato per le Finanze e ritiene prioritario assicurare la massima cooperazione per garantire una celere ed efficiente transizione, limitando al minimo le criticità dovute all’avvio della legislatura.

Nell’incontro di mercoledì si è riscontrato un approccio equilibrato delle forze di opposizione che, se mantenuto, può risultare decisivo al fine di garantire tutte le condizioni necessarie a chiudere questa fase di incertezza.

In particolare, nella discussione si è convenuto di modificare l’art. 39 “Azione di responsabilità” così da aumentarne l’efficacia e tutelare maggiormente gli interessi dello Stato.

In merito alla proposta di emendamento della minoranza sul tema beneficiari effettivi nel settore finanziario, siamo contenti che anche gli altri gruppi condividano questo nostro obiettivo. Adesso.sm sottoporrà alle altre forze una proposta tecnicamente fattibile, considerato che si tratta di un obiettivo esplicitato nel programma dei 6 mesi.

Sul tema centrale rischi invece, alla luce della posizione del Presidente di Banca Centrale del 21 ottobre 2016 “Stato attuale dei lavori per la realizzazione della Centrale dei Rischi”, si ritiene tecnicamente e politicamente non corretto inserire un emendamento alla legge di bilancio su questo tema.

Domani, venerdì 16 dicembre, si terrà un ulteriore incontro per valutare se le posizioni espresse in questi giorni possono essere conciliabili, trovando un accordo fra le forze politiche sulla votazione della procedura d’urgenza e scongiurare l’esercizio provvisorio – elemento che metterebbe in seria difficoltà l’amministrazione pubblica e i servizi da essa erogati.

Comunicato stampa
adesso.sm