Logo San Marino RTV

"Campagna di prevenzione Incendi Boschivi 2019"

28 giu 2019
"Campagna di prevenzione Incendi Boschivi 2019"

Le temperature di questi giorni ci ricordano che l'estate è anche potenziale fonte di rischio di incendi boschivi i quali, come ogni anno, interessano anche il nostro territorio. Nella giornata di mercoledi 26 giugno il Servizio Protezione Civile di San Marino ha partecipato all'incontro tecnico operativo convocato presso il Servizio Area Romagna-ambito Rimini dell'Agenzia regionale per la Sicurezza del Territorio e la Protezione Civile al fine di verificare e condividere con tutte le altre componenti quali i VV.F., i Carabinieri Forestali ed il Coordinamento del Volontariato, le modalità operative previste nel Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi. Nel modello organizzativo proposto, già da qualche anno, anche la nostra Repubblica viene coinvolta rientrando tra i territori sottoposti a presidio territoriale per l'avvistamento e segnalazione di colonne di fumo. Il Piano sammarinese di prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi prevede anche, come ogni anno, una debita campagna informativa al fine di mitigare il rischio e prevenire scongiurate fonti di innesco. Come il 2017 anche il 2018, nel nostro territorio così come anche in Italia, ha fatto registrare una forte riduzione del numero di incendi boschivi e di superfici boscate percorse dal fuoco. Questo non significa però che si possa abbassare il livello di attenzione, anzi è uno stimolo per proseguire nel trend positivo mediante sempre più adeguati sistemi di programmazione e di risposta al rischio sul nostro territorio. Il comportamento umano è la principale causa per queste tipologie di incendio, si capisce quindi come sia fondamentale rinnovare ogni volta le raccomandazioni basilari al fine di assumere comportamenti corretti. Gli inneschi possono essere di svariato tipo, dall'abbruciamento incontrollato di sfalci e potature alle imprudenze e disattenzioni nell'abbandono di mozziconi di sigarette o braci ancora calde dopo fuochi. Il Servizio di Protezione Civile, la Polizia Civile, l’Ufficio Gestione Risorse Ambientali e Agricole svolgono in relazione al Piano di Protezione Civile, attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi e unitamente alla Segreteria di Stato Territorio e Ambiente ricordano quanto sia importante conservare il territorio e salvarlo da incendi boschivi e richiamano pertanto i cittadini ad assumere comportamenti tesi a prevenire il rischio. Si rammenta a tal proposito che in relazione alle attività di raggruppamento e abbruciamento di materiali vegetali vige l'obbligo di segnalazione alla Polizia Civile (tel. 0549 887777) e che dal primo maggio al 30 settembre la combustione di residui vegetali deve essere preventivamente autorizzata dalla Polizia Civile. Inoltre, in caso sussistano condizioni meteorologiche, climatiche, ambientali o in tutti i casi si ravvisino rischi per la pubblica incolumità, la Protezione Civile, congiuntamente alla Sezione Antincendio, hanno facoltà di sospendere, differire o vietare la combustione del suddetto materiale (Art. 18, comma 3 del Decreto Delegato 27 aprile 2012 n.44, come modificato dal D.D. 31 gennaio 2017 n.16).
Si ricorda infine che è possibile consultare, secondo quanto indicato nella campagna di sensibilizzazione riproposta ad ogni stagione estiva, l'apposito opuscolo informativo “Proteggi….amo il Bosco”, scaricabile all'indirizzo internet http://www.territorio.sm/on-line/home/territorio-e-ambiente/link-utili.html e sulla pagina Facebook del Servizio di Protezione Civile. In caso di avvistamento di colonne di fumo o incendi chiamare subito i seguenti numeri:
- 115
- 0549 887777

Comunicato stampa
Il Capo della Protezione Civile
dott. Fabio Berardi