Logo San Marino RTV

Comunicato stampa delle Associazioni Ecclesiali sul progetto di legge sulle unioni civili

6 mar 2018
Comunicato stampa delle Associazioni Ecclesiali sul progetto di legge sulle unioni civili
In questi giorni in cui il comitato promotore ha voluto ribadire la bontà nell’impianto della legge di iniziativa popolare sulle unioni civili e in cui l’Europa, con straordinario tempismo, sollecita con il V rapporto ECRI su San Marino l’adozione di una normativa sulle relazioni tra le persone dello stesso sesso, ci sentiamo in dovere sottolineare alcuni fatti.
La normativa proposta sulle unioni civili:
- vuole equiparare le unioni civili alla famiglia, in quanto è ciò che essa stessa afferma esplicitamente fin dalla prima riga del suo primo articolo: l’unione civile è una comunità familiare;
- obbliga San Marino a riconoscere come unioni civili i matrimoni contratti
all’estero, anche di persone dello stesso sesso, assimilando l’unione civile al
matrimonio;
- richiama esplicitamente e ampiamente il diritto di famiglia (Legge 26 aprile
1986, n.49) per omologare unione civile a famiglia: numerosi sono gli articoli relativi alla definizione del matrimonio, alla filiazione, al regime patrimoniale della famiglia e allo scioglimento del matrimonio;
- vuole acquisire per le unioni civili soprattutto i diritti ma non altrettanto i
doveri della normativa relativa all’istituto della famiglia;
- vuole essere punitiva verso chi non riconosce la sostanziale eguaglianza tra
unione civile e famiglia, attraverso quanto stabilito circa la discriminazione al suo
art. 10.
Per onestà e chiarezza vogliamo anche evidenziare che il V rapporto ECRI su San Marino, all’ultimo punto delle sue raccomandazioni, chiede di adottare una legge per normare le relazioni tra persone dello stesso sesso: non parla né di unioni civili né tanto meno di matrimonio.
È stato già evidenziato che il tema delle unioni civili esige di essere affrontato con serietà e senza un approccio ideologico da parte delle forze politiche e, aggiungiamo, con onestà e chiarezza nei confronti dei cittadini. La proposta di legge di iniziativa popolare non va in questa direzione: non dà un adeguato ordine ai diritti delle persone che compongono coppie dello stesso sesso e soprattutto danneggia l’istituto della famiglia, creando una dannosa confusione con altre realtà che famiglia non sono. Inoltre ci pare che non si voglia
fornire alla cittadinanza una corretta rappresentazione dei contenuti della proposta di legge.
Rinnoviamo la richiesta a tutte le forze politiche di valutare con molta attenzione le decisioni per quanto è in gioco per il futuro del paese. Invitiamo anche i cittadini ad essere molto attenti al fine di valutare con consapevolezza le scelte che verranno effettuate su questo tema nei prossimi giorni e mesi.
A tal fine il coordinamento delle Associazioni Ecclesiali si rende disponibile all’incontro con tutte le forze politiche, con il comitato promotore e con i cittadini per un confronto su queste tematiche.