Logo San Marino RTV

Conferenza stampa conclusiva della Missione annuale del Fondo Monetario Internazionale

1 feb 2019
Conferenza stampa conclusiva della Missione annuale del Fondo Monetario Internazionale
A conclusione della consueta Missione annuale ai sensi dell’articolo 4, il Fondo Monetario Internazionale ha incontrato la stampa per rilasciare dichiarazioni sugli esiti della visita.

Il Capodelegazione, sig. Nir Klein, ha delineato il quadro attuale dell’economia sammarinese e offerto una lettura dello stato di salute del Paese. L’analisi dettagliata dei diversi ambiti economici e finanziari dello Stato -che per la prima volta include dati certi sulla bilancia dei pagamenti- rende conto della sua criticità principale nel sistema bancario, caratterizzato da un basso livello di liquidità e un fabbisogno di ricapitalizzazione, uniti a un volume elevato di crediti deteriorati (i cosiddetti NPL) e di attivi improduttivi. Tali presupposti limitano la capacità, per le imprese, di poter beneficiare di prestiti e, quindi, di crescere e divenire volano dello sviluppo e del consumo.

A questi fattori interni si aggiungono le ripercussioni provenienti da fuori confine, in particolare dall’Italia, per la quale il Fondo ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita.

Occorre urgentemente -dicono gli esperti di Washington- porre in atto una strategia complessiva per rendere solido il sistema bancario sammarinese, così da garantire il credito al settore privato e non pesare sulle finanze pubbliche.

Di pari passo è necessaria l’attuazione di riforme strutturali, tali da muovere l’economia “su di un percorso sostenibile di crescita e prosperità”. L’avvio di alcune innovazioni nel mercato del lavoro e nel settore dell’imprenditoria e il raggiungimento di una maggiore snellezza burocratica hanno rappresentato un primo importante passo in quella direzione.

La delegazione si è detta consapevole dei progressi compiuti e degli sforzi profusi dal Governo per favorire l’uscita dell’economia dalla crisi innescatasi nel 2008. L’auspicio, ora, è che le riforme strutturali siano messe in campo rapidamente per dare una marcia in più alla crescita, recuperare efficienza e ridurre gli sprechi, garantendo al contempo la sostenibilità del debito pubblico.

Alla luce delle considerazioni emerse, il Governo della Repubblica di San Marino conferma la volontà di continuare a lavorare per una strategia che sia globale e coordinata, comprensiva di tutti i settori di intervento, e che coinvolga gli attori e i portatori di interesse.

Il Segretario di Stato per le Finanze e il Bilancio, Eva Guidi, ha evidenziato i dati incoraggianti relativi all’occupazione e l’esigenza di non sottovalutare alcun comparto dell’economia.

Le osservazioni preliminari annunciate in sede di conferenza stampa saranno discusse dal Comitato Esecutivo in seno al FMI a metà marzo; già dal tardo pomeriggio di oggi il report sarà disponibile sul sito internet dell’Istituto di Washington.

Segreteria Esteri