Logo San Marino RTV

Disagi neve: l’emergenza non è uguale per tutti

14 mar 2018
Disagi neve: l’emergenza non è uguale per tutti
E’ evidente che le nevicate delle scorse settimane hanno creato danni e disagi importanti, è stato ribadito anche dal Segretario Podeschi che ha diffuso ieri dati che parlano di un evento “di rilevante importanza e di natura straordinaria” che “hanno prodotto indubbi disagi alla popolazione e danni ambientali e materiali sia al patrimonio pubblico che privato“.
Anche le aziende che rappresentiamo hanno subito ingenti danni, forse ancor più del 2012 quando, dopo i primi giorni di disagi, perlomeno era stato possibile programmare e organizzare la riduzione dell’attività ed accedere alla Cassa Integrazione.
Quest’anno invece ciò non è stato possibile, le disdette sono arrivate all’ultimo minuto, quindi gli operatori hanno potuto decidere se aprire o chiudere le proprie ditte solamente di giorno in giorno, altre invece stoiche e volenterose, hanno addirittura deciso di mantenere un minimo di servizio ai pochissimi clienti, turisti, lavoratori o residenti che si avventuravano e per le nostre strade.
Il risultato è comunque sempre stato lo stesso: entrate nulle; spese enormi, con i dipendenti rimasti a pieno carico dell’azienda e costi per il riscaldamento elevatissimi per mantenere un ambiente accogliente ad eventuali ospiti. Per questo USOT ha chiesto alle Segreterie competenti (Cultura e Sanità) e all’intero Congresso di Stato un intervento a sostegno delle aziende turistico-commerciali: una riduzione delle utenze e dei contributi per il mese di febbraio e la possibilità di dilazionare i pagamenti dei contributi dovuti nei mesi di marzo e aprile in 8 mesi.
Non ci sembrava di aver chiesto molto, ci sarebbe bastato un piccolo segnale di vicinanza e invece, l’unica risposta ricevuta dal Segretario di Stato Podeschi è stata una fredda nota in cui ci informa che: “gli eventi atmosferici non sono stati classificati come calamità naturale ed evento eccezionale”.
Quindi fateci capire, quando si devono giustificare le difficoltà per lo Stato e, per esempio, i ritardi che hanno portato ad iniziare il liberamento dei parcheggi del Centro Storico solamente nella giornata di ieri, situazione che ha causato ulteriori danni economici alle attività, si parla evento di natura straordinaria; mentre quando si parla delle problematiche delle aziende si minimizza, facendo passare le nostre richieste per inutili lamentele.
ABBIAMO CHIESTO SOLO SOLIDARIETÀ PER TUTTE LE AZIENDE CHE SONO RIMASTE APERTE IN CONDIZIONI PROIBITIVE, FORNENDO UN SERVIZIO SOCIALE A TUTTI QUEGLI OSPITI ( anche dello Stato ) PRESENTI A LIVELLO INTERNAZIONALE.
La risposta? Il problema per le aziende non è esistito… Purtroppo non abbiamo più parole per esprimere tutta la nostra delusione...
Il Consiglio Direttivo USOT