Logo San Marino RTV

Domenica 17 maggio 2020: Festa del Paròn

13 mag 2020
Domenica 17 maggio 2020: Festa del Paròn

Ogni sesta domenica dopo Pasqua ricorre la Festa del Paròn, durante la quale si espone eccezionalmente il reliquiario della Sacra Teca di San Marino. Precisamente questa Domenica 17 maggio, alle ore 11.00 in Pieve, si svolgerà la celebrazione della Santa Messa, - con tutte le debite precauzioni sanitarie - dopo più di 2 mesi di interruzione di tutte le liturgie con i fedeli per causa del covid 19. Sarà l’occasione propizia per affidare tutte le nostre famiglie al nostro Santo Patrono e Fondatore. L'origine di questa festa ha sia una base storica che leggendaria. Nel 1786 il Cardinale Legato di Ravenna Luigi Valente Gonzaga riteneva di dover giudicare un certo Giambattista Blasi colpevole di molti reati, in quanto il Blasi era considerato un ecclesiastico; la Repubblica invece ribatteva che il processo venisse fatto a San Marino e dalle Autorità Sammarinesi. Il Cardinale decretò un blocco annonario ai confini sperando di convincere i sammarinesi: tale blocco duro tre mesi, ma alla fine (24 febbraio 1787) i Capitani Reggenti annunciarono che la piaga della fame era terminata. La Repubblica non capitolò e fu decretato che ogni anno si ringraziasse il Santo Protettore. La leggenda narra che un anziano pescatore di Arbe fu oggetto di una tempesta che gli ruppe il timone e gli spezzo le vele: si senti perduto e rivolse una preghiera al suo Santo concittadino. Il mare si calmo e di lontano il vecchio vide una gran luce in cima ad un monte. La barca approdò e l'anziano segui la luce che non era altro che S. Marino, il Fondatore e Patrono della comunità sammarinese. Da allora sul Monte Titano, ogni anno, si celebra la Festa del Paròn per ricordare il miracolo di S. Marino di Arbe. San Marino ci accompagni in questo tempo così particolare, perché possiamo illuminare gli altri con le parole della fede, e, più ancora, con le opere dell’amore che rendono chiara e credibile la nostra appartenenza a Cristo nella nostra Repubblica e nel nostro mondo.

c.s. Il Rettore della Basilica,  Don Marco Mazzanti