Logo San Marino RTV

L’EMILIA DEI MOTORI E LA SUA FILIERA CRESCERE INSIEME PER CRESCERE TUTTI

30 mag 2017
L’EMILIA DEI MOTORI E LA SUA FILIERA CRESCERE INSIEME PER CRESCERE TUTTI
La nostra regione viene riconosciuta come la terra dei motori per antonomasia, il luogo in cui si concentra una tradizione e una capacità tecnologica e produttiva unica al mondo. Sulla via Emilia, con la presenza di marchi universalmente noti come Ferrari, Maserati e Lamborghini, c’è il cuore pulsante del comparto automotive italiano.

Il polo dell’auto emiliano, quindi, ha le carte in regola per affiancare Torino nel rilancio dell’industria italiana dell’automobile. Considerando i grandi costruttori di auto e il relativo indotto (oltre 190 aziende per un totale di 11mila addetti), in regione è di oltre 7 miliardi di euro il giro di affari.

La filiera dell’automotive emiliana è caratterizzata da notevoli punti di forza: dinamismo, forte coraggio imprenditoriale, continua propensione allo sviluppo e all’innovazione. Nella stragrande maggioranza dei casi, come accade anche negli altri distretti industriali della regione, si tratta di una filiera composta da aziende di piccole e medie dimensioni. Ma essere eccessivamente piccoli e frammentati è penalizzante per molti aspetti, tra cui il principale è non riuscire ad attrarre i profili professionali più qualificati.

Per venire incontro alle mutate esigenze formative del comparto è stata creata, di recente, una Academy dedicata, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna, un hub per l’alta formazione di livello internazionale, in collaborazione con le università della regione, che costituisce un’importante novità per il settore automotive.

Su questi temi, Confindustria Emilia, sede di Modena, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e la Fondazione Democenter propone il convegno "L’Emilia dei motori. Una filiera che guarda al futuro".

L’appuntamento, che radunerà i massimi esponenti del mondo industriale, del mondo istituzionale e di quello accademico, è per mercoledì 7 giugno alle ore 15.30 presso l’aula magna dell’Accademia militare.

Il programma
A inizio convegno interverranno il comandante dell’Accademia militare Salvatore Camporeale, il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, il vicepresidente di Confindustria Emilia Valter Caiumi, il Regional manager Centro Nord Unicredit Andrea Burchi e il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Modena Augusto Gambuzzi.

Aprirà poi i lavori l’amministratore delegato di Hpe Coxa Andrea Bozzoli, cui seguirà la proiezione di "Trend e scenari dell’automotive", con le videointerviste realizzate ai principali produttori del settore automotive del territorio.

Sarà poi la volta di due tavole rotonde. La prima dal titolo "L’importanza della filiera. Crescere insieme per crescere tutti", vedrà protagonisti l’amministratore delegato di Hpe Coxa Andrea Bozzoli, l’amministratore delegato di Dallara Andrea Pontremoli e il responsabile Risorse umane della Ducati Luigi Torlai.

Nella seconda, dal titolo "Università: quale formazione per il capitale umano della filiera", interverranno l’assessore alla Scuola, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia-Romagna Patrizio Bianchi, il rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia Angelo Oreste Andrisano, il rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini e il prorettore vicario dell’Università di Parma Giovanni Franceschini.

Il convegno si concluderà con l’intervista all’assessore alle Attività produttive della Regione Palma Costi sul tema "Automotive un progetto di sistema per il futuro". L'intero convegno sarà moderato dalla giornalista de "Il Sole 24 Ore" Ilaria Vesentini.

comunicato stampa