Logo San Marino RTV

Federconsumatori Rimini: "La sostenibilità delle bollette rimane in tutta la sua pesantezza"

11 apr 2019
Graziano Urbinati
Graziano Urbinati

Si è svolto ieri il secondo incontro in merito agli impegni assunti nell'incontro precedente con SGR Servizi. Così come era stato richiesto SGR pubblicherà nei prossimi giorni una guida dettagliata per una lettura più chiara delle voci relative alla bolletta, effettuerà un rafforzamento del call center interno ed un servizio social per offrire un ulteriore canale di confronto con l’utenza, avvierà una campagna affinché sia più diffusa la conoscenza delle opportunità offerte dal Bonus Gas ed Elettrico, oltre a confermare i 120.000 euro destinati ad un fondo di solidarietà gestito dai Servizi Sociali dei comuni del territorio.Inoltre si sono detti disponibili alla rateizzarzione delle bollette senza oneri oltre gli obblighi di legge , a ridurre al minimo le stime delle letture dei contatori, in particolare si attiveranno a verificare un lotto di trenta contatori digitali , ed infine sono state illustrate nuove offerte commerciali a libero mercato. Federconsumatori Rimini, nel corso dell'incontro ha precisato che per quanto riguarda le singole situazioni, gli utenti possono attivare, attraverso le loro associazioni o propri avvocati i tavoli con i fornitori, distributori o presso l'Autorita garante, tavoli relativi a reclami, conciliazioni paritetiche e controversie ( adr ), canali che Federconsumatori Rimini utilizza da tempo ed anche in questa fase, canali formali e propri che esulano da quello tecnico che si è svolto ieri mattina. Come Federconsumatori Rimini, riteniamo che l' incontro abbia prodotto passi in avanti in merito agli strumenti che verranno messi a disposizione degli utenti per una maggiore informazione e chiarezza e sopratutto aspettiamo la verifica dei contatori dei 30 utenti sorteggiati , verifica che auspichiamo avvenga in tempi brevi.Ma per ridurre sensibilmente le bollette Gas Federconsumatori ritiene che: 1)Non siano sufficienti le offerte a libero mercato , con la cessazione del mercato a tutela , il passaggio riguarderà tutti gli operatori ed utenti dal luglio del 2020. I percorsi di effettiva concorrenza, di informazione e consapevolezza sono fondamentali, in un settore dove operano centinaia di fornitori, che spesso agiscono nella vendita in modo aggressivo e poco trasparente, in ragione di altre liberalizzazioni realizzate in questi anni in altri settori.Per queste ragioni come associazioni dei consumatori abbiamo chiesto la proproga della fine del mercato tutelato al 2020, termine che era previsto per l'anno 2019. Il libero mercato oggi non si contraddistingue per trasparenza e corretezza e a tal proposito sarebbero utili tavoli di confronto con tutti i fornitori per dare agli utenti tutte le informazioni,per far si che il passaggio al mercato libero un diventi un'altra occasione per fare profitti sulle spalle delle famiglie; 2) Occorra come abbiamo ricordato e consegnato ai partecipanti al tavolo SGR quanto detto ai Parlamentari locali , intervenire sugli oneri di sistema, vere e proprie tasse occulte, che insieme ai costi di gestione ed imposte incidono sulla bolletta per ben oltre il 50%. Dalle accise e dalla applicazione dell'Iva potrebbe aumentare ulteriormente a partire dal 2020, qualora vengano applicate le clausole di salvaguardia previste dalla legge di bilancio 2019 dal rendere esigibili ed automatici i bonus energia e di innalzzarli perchè oggi insufficienti, dal trovare una soluzione equa al problema della morosità: nella maggior parte dei casi sono le imprese che non riescono, per vari motivi, a sostenere i costi dell’energia; Le richieste di Federconsumatori Rimini , possono diventare le richieste di tutti, per dare forza e impulso ad una battaglia che vede i cittadini utenti , sopratutto quelli più esposti economicamente in forte difficoltà in una fase critica per l'economia del Paese.

Comunicato stampa
Federconsumatori Rimini