Logo San Marino RTV

Fondiss alla Csu: mai deliberato modalità assegnazione importi banche

16 giu 2018
Fondiss alla Csu: mai deliberato modalità assegnazione importi banche
Con riferimento alla raccomandata a.r. prot. n. 9436/2 del 12 giugno scorso
[indirizzata al Comitato Amministratore di Fondiss, e pubblicata sugli Organi di
Stampa], il Comitato Amministratore, secondo quanto deciso all’unanimità dei
presenti nella seduta del 15 giugno 2018, desidera precisare quanto segue:
l’attuale Comitato Amministratore terminerà il suo mandato in data 30.06.2018 (stessa data della scadenza del deposito a termine presso Banca Centrale).
Nonostante questa circostanza, il Comitato Amministratore in carica ha ritenuto comunque doveroso bandire una gara per l’eventuale investimento dei fondi derivanti dalle prestazioni previdenziali, per non privare gli Iscritti di un rendimento nel periodo temporale che intercorrerà tra la scadenza dell’attuale mandato del Comitato e l’insediamento del nuovo, in ottica di massima tutela del rendimento per gli iscritti; nel corso della seduta del Comitato Amministratore dello scorso 11 giugno il Comitato stesso non ha adottato “deliberazioni riguardanti la modalità di assegnazione degli importi che al 30 giugno 2018 rientreranno nelle disponibilità del Comitato Amministratore Fondiss”, ma ha semplicemente discusso, analizzato e deliberato ad ampia maggioranza le caratteristiche delle lettere di richiesta di offerta inviate agli Istituti Bancari sammarinesi per “valutare l’opportunità di investire” i fondi che rientreranno nelle disponibilità del Comitato al 30 giugno 2018, data di scadenza del deposito a termine in essere presso la Banca Centrale della Repubblica di San Marino; nel merito delle questioni sollevate, il Comitato intende rassicurare gli Iscritti di aver operato da sei anni senza mettere mai a rischio in nessun momento il patrimonio di Fondiss, ottenendo inoltre il massimo rendimento possibile, con i vincoli di impiego imposti dalle vigenti normative.
Questa tranquillità è ancora maggiore oggi, poiché il patrimonio del Fondiss gode di una garanzia dello Stato per i depositi presso gli Istituti di Credito Sammarinesi, unica forma di investimento ammessa dall’attuale legislazione.
Il Comitato rigetta perciò con forza quanto espresso da codeste Organizzazioni Sindacali, e cioè quello di aver ignorato “i più elementari criteri di attenzione e prudenza” nelle decisioni assunte e che sussistano “situazioni di criticità sui fondi previdenziali Fondiss”, circostanze queste destituite di ogni fondamento.
Il Comitato invita infine ad una maggiore ponderazione e cautela nella diffusione di notizie che possono creare allarmismi ingiustificati sulla situazione del Fondiss.

cs
IL PRESIDENTE
(Renato Nibbio)