Logo San Marino RTV

FSGC - Futsal: Fiorentino e Juvenes inarrestabili

30 ott 2018
Neanche il secondo scontro al vertice in sette giorni frena la marcia da schiacciasassi del Fiorentino, che contro il Tre Penne – salito giovedì scorso in seconda posizione approfittando del turno di riposo della Folgore – inanella la quinta vittoria su cinque gare, cementificando in tal modo la propria leadership nel Gruppo A. I biancoazzurri di Cellarosi sfoderano un approccio di gara migliore rispetto alla capolista, che infatti va sotto quando sono passati appena 5’ dal fischio d’inizio: a segno, Manuel Francesconi. Ma Danilo Busignani rimette le cose a posto al 18’; poi, all’alba del secondo tempo, Fabio Belloni si incarica di operare il sorpasso, prima di firmare anche la rete del provvisorio 3-1 che gli vale la salita a quota 9 in classifica marcatori. 3-1 soltanto provvisorio, si diceva, perché prima del triplice fischio c’è gloria anche per un altro elemento piuttosto prolifico - eufemismo – presente nella rosa di Roberto Chiaruzzi, ossia Domenico Di Paolo.

Nell’altro raggruppamento anche la Juvenes firma il quinto successo su cinque a spese di una Libertas che non riesce a reggere il poderoso urto biancorossoazzurro, impresa per la verità difficile un po’ per tutti nell’ultimo periodo. Alla fine del primo tempo i granata sono già sotto di tre reti, messe a segno da Ugo Federico Bagnasco, Mirco Gabrielli e Alessandro Muccioli. Nella ripresa la produzione offensiva della squadra di Serravalle non si arresta: Bagnasco e Muccioli trovano anche la seconda gioia personale, mentre Andrea Lepri li raggiunge nel tabellino marcatori; lo stesso fanno nel finale di gara anche Gabriele Borasco e Andrea Guidi, che gonfiano il punteggio fino all’8-0 finale.

In attesa del riposo che dovrà osservare nel prossimo turno, il Murata mantiene il passo della Juvenes superando – anche in questo caso con largo margine – un Faetano che nonostante la propria classifica si rivela per i bianconeri – particolarmente nella prima frazione di gara - avversario più scomodo del previsto. Alessandro Mancini porta in vantaggio la squadra gialloblù quando sono passati secondi – e non ancora minuti – dal fischio d’inizio, poi Stefano Maddalena firma il raddoppio nell’ultima parte del primo tempo.

Nell’ultima parte, non nell’ultimissima: questa diventa invece terreno di caccia del Murata, che con Thomas Felici e Marco Bucci riesce a rimettere in equilibrio il punteggio immediatamente prima del cambio di campo. La seconda marcatura di Bucci e la tripletta di Alex Mattioli (nuovo re della classifica dei bomber con 10 reti) cancellano nella ripresa anche solo l’ipotesi di una rimonta da parte del Faetano, che sul gong subisce anche il settimo gol, a firma di Felici, registrando così la quinta sconfitta su cinque gare disputate.

In ogni caso Libertas e Cosmos (ieri a riposo) per il momento restano a tiro di vittoria per la squadra di Gualtieri, unica del girone ancora a digiuno di punti. Poco più in alto troviamo la Virtus, che contro il Tre Fiori fallisce l’opportunità di entrare in zona play-off. Anzi, l’esito finale di questo scontro diretto ha come diretta conseguenza l’allontanamento dei neroverdi dal salotto buono del raggruppamento. Neroverdi che restano in partita per tutto il primo tempo, quando Filippo Tamagnini replica al vantaggio gialloblù firmato da Michele Longoni. Ma a scavare un solco profondo – ora anche in termini di classifica – fra la squadra di Spada e quella di Ghiotti pensa nella ripresa Matteo Sammarini, che con una tripletta consegna a sé e ai compagni tre punti utili non solo per dormire sonni più tranquilli pensando alle inseguitrici, ma anche per alimentare ulteriormente le proprie ambizioni guardando alle posizioni di vertice.

Tornando al Gruppo A, la Folgore si riprende immediatamente la seconda posizione - scippatale giovedì scorso dal Tre Penne - grazie al 4-1 (quarta vittoria su cinque gare) inflitto al Pennarossa, che perde altro terreno dalla zona play-off. Il primo tempo scivola via nel più totale equilibrio, senza gol da una parte né dall’altra. Del tutto bloccata anche la prima metà della ripresa: è soltanto al 42’, infatti, che giunge l’1-0 giallorossonero a firma di Andrea Contato, raggiunto presto nel tabellino marcatori dai compagni Massimiliano Bernardi (doppietta) e Matteo Tassitano. In casa Pennarossa, vale solo come gol della bandiera quello messo a segno da Paride Renzi nei minuti finali.

Infine, al quinto tentativo La Fiorita riesce finalmente a cancellare lo zero alla voce punti realizzati. Ne fa le spese il San Giovanni, che al termine di quello che era lo scontro diretto alla quota più bassa del Gruppo A diventa l’unica squadra del girone a non aver ancora centrato un solo risultato utile: apre le marcature Omar Elattar al 2’ minuto di gioco, mentre poco dopo è Matteo Scarponi a mettere la firma sul raddoppio. A strettissimo giro Alex Grossi riapre il risultato, che resta in bilico fino ai minuti finali dell’incontro, quando di nuovo Omar Elattar mette al sicuro i tre punti grazie alla terza rete personale in stagione.

Capitolo San Marino Academy. Sabato la formazione femminile, al debutto di campionato, ha ceduto 5-1 in casa del Bagnolo Calcio a 5, un risultato costruito per intero nel primo tempo, quando le padrone di casa hanno sbloccato e poi messo al sicuro il punteggio, prima che Rosita Fratti trovasse la rete accorcia-distanze. Nella ripresa le ragazze biancoazzurre crescono ma non riescono a capitalizzare le numerose occasioni costruite, mantenendo perciò invariato il punteggio fino al triplice fischio. Sabato prossimo le Titane debutteranno anche fra le mura amiche ospitando a Falciano – alle 16:00 - il Reno Molinella.

È stata a dir poco combattuta la gara – valevole per la quinta giornata di campionato – che la formazione Under 19 ha disputato domenica mattina a Falciano contro il Rimini Calcio a 5, anche se alla fine il risultato non ha sorriso ai biancoazzurri. Emozioni e mutamenti di situazione continui, a partire dai primissimi secondi di gioco, quando il capitano dell’Academy Thomas Crescentini trova su schema da calcio d’angolo la rete del vantaggio. Vantaggio che dura però una manciata di minuti, il tempo che impiega il Rimini per scrollarsi di dosso il gol subìto e siglare quello del pareggio, anche in questo caso su schema da calcio piazzato. I biancorossi operano il sorpasso al 14’, ma nello stesso minuto l’Academy ristabilisce nuovamente il pareggio con Giuseppe Della Valle.

È una gara che, come si diceva, vive di continue fiammate su entrambi i fronti, ma nella seconda parte del primo tempo il Rimini prova a crearsi una sorta di comfort zone raggiungendo un momentaneo doppio vantaggio che resiste fino al duplice fischio. Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa trovano un ottimo approccio e nel giro di 5’ è di nuovo il capitano Crescentini a suonare la carica firmando un 1-2 che vale il nuovo pareggio. Ma non basta, perché sull’onda di questa rimonta arriva anche il sorpasso biancoazzurro, sempre ad opera di Crescentini, che raggiunge le quattro reti personali nell’incontro. Poi però la spinta biancoazzurra si spegne, e gli ospiti ne approfittano trovando l’ennesimo pareggio – pressochè immediato - e poi operando uno scatto che li porta fino al 7-5, una situazione alla quale l’Academy non saprà più a reagire. Anzi, nel finale è il portiere di casa Zanotti, bravo a neutralizzare il tiro libero accordato agli ospiti, ad evitare che il Rimini dilaghi.
Ora Roberto Levani ed i suoi ragazzi, attesi dal turno di riposo, avranno a disposizione due settimane per preparare al meglio il prossimo impegno, anche in questo caso casalingo, contro il Faventia.

Comunicato stampa
FSGC