Logo San Marino RTV

Le giovani eccellenze sammarinesi incantano Villa Manzoni

22 feb 2016
Le giovani eccellenze sammarinesi incantano Villa Manzoni
Una serata in cui si è respirata aria buona, che fa ben sperare per il futuro del nostro paese.
La Convention del Fondo per l’Eccellenza Sammarinese è stata ancora una volta l’occasione per accorgersi di come San Marino possa contare su giovani appassionati, capaci e desiderosi di costruire qualcosa di buono per se e per il paese.
Nella giornata di venerdì Maria Chiara Benvenuti e Letizia Cardelli, laureate rispettivamente in Medicina e Psicologia, hanno avuto la possibilità di raccontare la loro esperienza all’estero svolta grazie al Fondo per l’Eccellenza Sammarinese per sostenere l'alta formazione all'estero dei giovani sammarinesi meritevoli. Il primo appuntamento è stato l’incontro con i Capitani Reggenti, che insieme al Segretario agli Esteri Pasquale Valentini hanno espresso grande apprezzamento per il progetto dell’Ente ed hanno sottolineato come sia necessario favorire sia la partenza che il ritorno: è fondamentale che i nostri giovani vadano a formarsi all’estero e lo è altrettanto che possano rientrare e dare il loro prezioso contributo allo sviluppo del Paese. Compito delle Istituzioni è proprio creare le condizioni perché questo possa accadere.
Dopo l’incontro con alcuni dei ragazzi già sostenuti dal Fondo negli scorsi anni, la serata a Villa Manzoni è stata l’occasione per entrare nel merito dei rispettivi percorsi svolti grazie al Fondo.

Maria Chiara Benvenuti,
Laureata in Medicina e Chirurgia, ha raccontato del suo stage di 4 mesi presso il Centro Ospedaliero Universitario Saint Pierre di Bruxelles, centro di riferimento intenzionale per la cura delle Malattie infettive, in particolare sull’HIV, grazie alla presenza di un luminare del campo, il dotto Nathan Klumec.“Lo stage è stato davvero utile e la struttura mi ha permesso di visitare i pazienti in modo molto approfondito rispetto a quanto si fa normalmente, permettendomi di costruire la giusta relazione con il paziente, aspetto importantissimo soprattutto nel campo delle malattie infettive. “una cosa che mi ha molto colpito è stato l’incontro con una paziente di 29 anni, Gregory, malato di HIV, che sarebbe morto di ì a poco proprio perché aveva rifiutato le cure … un fatto incomprensibile ma che mette in luce un aspetto molto drammatico dell’attività del medico: la libertà del paziente che di fronte. Tante volte il medico vive un’impotenza difronte a certe situazioni, e questo pone delle domande davvero gravose.”



Letizia Cardelli
laureata in Psicologia della Salute Clinica e di Comunità frequenta oggi un Master "Terapia di coppia e familiare" presso il King’s College di Londra – classificata 16° posto nella classifica delle migliori università del mondo, seconda relativamente alle materia psicologiche e psichiatriche – dove sta approfondendo l’approccio sistemico, ovvero la terapia svolta alla presenza di più membri della famiglia. “E’ davvero un posto eccezionale, ospita studenti da tutto il mondo, basti pensare che proprio qui è stata scoperta la struttura del DNA! Qui oltre allo studio sto svolgendo anche attività pratica in una struttura pubblica, un’occasione importante che mi permette di incontrare pazienti molto diversi tra loto e soprattutto con background e situazioni molto diverse da quelle a cui siamo abituati, basti pensare al tema della multiculturalità, che insieme alle nuove forme di unione e convivenza che stanno emergendo rappresentano è la grande sfide di questi anni e del futuro.”

Da entrambe risuona forte l’invito ai giovani studenti a svolgere un periodo all’estero – anche breve – perché su tratta di un’esperienza unica per aprire i propri orizzonti ed accorgersi che il mondo non finisce con i propri confini.
Infine alla fatidica domanda del moderatore Sergio Barducci “Vorreste tornare a San Marino?” entrambe hanno espresso il desiderio di poter rientrare una volta terminati i propri studi.

A breve la registrazione della Convention sarà resa disponibile sul canale Youtube dell’Ente Cassa di Faetano.