Logo San Marino RTV

Il gruppo sanità PDCS sull'emergenza coronavirus

31 mar 2020
Il gruppo sanità PDCS sull'emergenza coronavirus

“Fitte tenebre si addensano sulle nostre citta’” queste le parole del Santo Pontefice che ci riempiono di commozione e ci fanno riflettere inesorabilmente sul drammatico momento che noi tutti stiamo vivendo.   Tutta San Marino è riconoscente e ringrazia infinitamente, i medici, gli infermieri, il corpo sanitario, il personale tecnico dell’ospedale, gli operatori all’assistenza, farmacisti, forze dell’ordine, la protezione civile, i volontari, l’amministrazione di appoggio e tutte le persone schierate sul campo per l’impagabile contributo che hanno dato e stanno continuando a dare per contrastare questa emergenza sanitaria. Un esercito di eroi straordinari che combattono contro un nemico spietato, a ritmo serrato, ogni giorno e ogni notte, incessantemente, e senza un attimo di tregua.   Un plauso inevitabile anche ai direttori dei reparti del nostro Ospedale di Stato e ai medici, operativi nelle corsie e sul territorio, che hanno sopperito, con spirito di servizio e professionalità, alla mancanza del Direttore delle attività socio-sanitarie, membro del Comitato Esecutivo, da tempo assente per malattia, al Direttore dell’Autority e alla Responsabile delle relazioni con il pubblico .   Un riconoscimento doveroso anche all’eccellente lavoro delle forze dell’ordine, che svolgono continuamente in maniera impeccabile, per far rispettare decreti e norme a tutela della salute e la sicurezza di tutti i cittadini.   E infine come non riconoscere alla cittadinanza sammarinese la straordinaria solidarietà e generosità dimostrata nel contribuire attraverso le innumerevoli donazioni, per far fronte alle esigenze straordinarie del comparto sanitario, così come la meravigliosa compattezza e abnegazione dimostrata nel rispetto delle regole e delle norme in questa battaglia contro un nemico invisibile e subdolo.   Questo momento di emergenza prima o poi passerà ed è compito della politica ragionare, fin da ora, su come ricostruire il paese sia da un punto di vista economico-sociale che dal punto di vista sanitario. Il nostro sistema sta resistendo bene grazie soprattutto al profuso impegno politico, tecnico e professionale dimostrato da tutti gli operatori del settore. Dovrà questa divenire un’opportunità per ripartire e ricostruire, ripensando ad un nuovo assetto organizzativo  del sistema sanitario attraverso un nuovo modello di governance, alla qualificazione  del corpo sanitario, alla regolarizzazione di posizioni non inquadrate adeguatamente,   riconoscendo il valore di chi in questo periodo ha dimostrato professionalità e dedizione per il lavoro svolto.   Occorrerà considerare presto le situazioni di disagio economico, generate dalla sciagurata epidemia, in tutela delle famiglie fragili messe ancora più alla prova.   Gli interventi di controllo ed emergenza sanitari sono stati attivati da tempo ed il 26 Marzo scorso è stato siglato il protocollo di intesa di mutua collaborazione tra la Segretaria di Stato alla Sanità e il Ministero della Salute Italiano, con il supporto della Segreteria di Stato per gli Affari Esteri , in merito ai presidi medici, l’analisi di tamponi, la fornitura e la somministrazione di farmaci e DPI, i posti letto ordinari e di terapia intensiva, le strutture extra ospedaliere, assistenza reciproca nel rientro di cittadini e collaborazione nei rapporti con organismi internazionali nel reperimento fondi, professionalità e materiale necessari a fronteggiare l’emergenza del covid-19.   Un importante accordo che va a confermare le consolidate intese sull’asse sanitario che ci hanno visti già protagonisti con l’Italia in passato quando vennero cementate. Italia che si è mostrata per l’ennesima volta collaborativa e amica nei confronti del nostro Stato garantendo nel tempo un atteggiamento di collaborazione e apertura.   Gli accordi di oggi sono il frutto di anni di rapporti positivi già avviati  in passato con il Ministro della Salute Lorenzin quando ricordiamo , grazie alla buona politica e tecnica, ognuno nel suo ruolo, ha mosso i passi necessari verso la costruzione dei rapporti di collaborazione e buon vicinato con gli  amici Italiani.   Il Gruppo Sanità Pdcs continua il suo impegno per dare un contributo per il paese mettendo a disposizione tutte risorse al fine di garantire una sanità all’altezza delle aspettative dei cittadini.

Comunicato stampa
Gruppo Sanità PDCS