Logo San Marino RTV

Incontro col Governo sulle banche, la CSU ha chiesto altro!

Per la CSU è la tutela dei fondi pensionistici, con particolare riferimento a quelli investiti in Banca CIS, la priorità assoluta da affrontare.

4 apr 2019
Incontro col Governo sulle banche, la CSU ha chiesto altro!

La convocazione dell'incontro di domani alle ore 14.15 presso Palazzo Begni con le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni di categoria (compresa ABS) e le Associazioni dei consumatori, non corrisponde a quanto chiesto dalla CSU con la lettera dello 26 febbraio scorso. La convocazione, inviata dalla Segreteria di Stato per le Finanze a nome del Governo, parla infatti di "interventi tesi a garantire la stabilità del sistema bancario e finanziario", preannunciando una serie di incontri "che si terranno con cadenza periodica da concordare" con l'obiettivo di "individuare un percorso di condivisione sul più generale tema del nostro sistema bancario e finanziario, con particolare riferimento alla messa in campo di un progetto sistemico in materia di NPL". Ma in realtà aveva chiesto ben altro! Facendosi interprete della grande preoccupazione di tantissimi cittadini, la CSU ha infatti chiesto di affrontare la delicata e importantissima tematica della tutela dei fondi pensionistici investiti nelle banche sammarinesi, e ciò con particolare riferimento alle risorse previdenziali investite in Banca CIS, oggetto di un provvedimento di amministrazione straordinaria e di blocco dei pagamenti la cui scadenza è imminente, il 23 aprile prossimo. Sono trascorsi tre mesi contraddistinti da un assordante silenzio, da parte sia del Commissario che del Governo, rispetto a possibili e sostenibili soluzioni dello stato di crisi della Banca. Quale è il progetto del Governo per assicurare le massime garanzie a tutti i fondi pensionistici, ad iniziare da quelli investiti in Banca CIS? E per questa banca, quali saranno le prospettive, e con quali garanzie per i correntisti e per i dipendenti? Sono questi gli interrogativi che la CSU intende affrontare prioritariamente, e di ciò si farà portavoce nell'incontro di domani e in quelli che eventualmente verranno successivamente programmati.

Comunicato stampa
CSU